02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Vinopolis, trionfo del cliché ... È nata oltre 10 anni fa dall’intuito di un mercante di vino, Duncan Vaughan-Arbuckle, e con l’appoggio dell’allora primo ministro laburista Tony Blair, a due passi dal Tamigi, il Financial Times, la Tate Modern, il Globe di Shakespeare e il Borough Market, sotto le volte di una ferrovia vittoriana (3.000 mq) e con investimenti per oltre 30 milioni di euro. Ed ecco Vinopolis, che voleva essere una vera e propria “città del vino” nel cuore di Londra. Ma, da un tour che abbiamo fatto, è un festival della banalità vitivinicola e il viaggio alla scoperta dell’affascinante mondo del vino muove da passi stereotipati, lontani da una seria funzione formativa, con frequenti derive verso uno stile che diremmo quasi “disneyano”. E così si passa agevolmente dall’arena dove vengono presentati i vitigni in mini lezioni-show alle sale dedicate ai diversi terroir del vino mondiale. Manco a dirlo, qui la Francia gioca da protagonista mentre all’Italia non resta che una sala piena zeppa di luoghi comuni, immagini stereotipate e simboli di un made in Italy molto approssimativo. Non si può dire che vada meglio con le degustazioni, con vini quasi mai all’altezza (qui è il Nuovo Mondo a fare la parte del leone). Ma si sa, al peggio non c’è fine, e allora ecco i punti ristoro davvero scadenti (sia nel servizio che nei piatti presentati), non solo per i grandi gourmet che la struttura dice di voler ospitare, ma per qualsiasi persona con un minimo di buon gusto. Stupisce che, visitandola, Vinopolis (la cantina, tra l’altro, rimarrà chiusa fino al 23 agosto, proprio durante le Olimpiadi) dimostri tutti i suoi anni, una sorta di “museo del vino” vecchio stile, una grande occasione persa e un investimento che non ha esattamente dato buoni frutti. Almeno, in una città come Londra e stando alla grande tradizione britannica legata al vino, al suo commercio, alla diffusione della sua cultura e alle legittime aspettative di un pubblico colto ed evoluto nella materia. Adesso in vista c’è un piano di rilancio previsto per il prossimo mese di ottobre. Speriamo sia meglio di quanto visto fino ad oggi.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli