02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL CIBO DEL FUTURO

Maschi, di buona cultura, e giovani: gli europei (e gli italiani) più aperti a mangiare insetti

A dirlo una ricerca del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa, pubblicato sulla rivista Food Research International

Secondo alcuni, i “novel food” saranno il cibo del futuro. Ma molti, soprattutto in Italia, ancora non ci pensano nemmeno a mangiare vermi, scorpioni, formiche e così via. Eppure in Europa, c’è una fetta di popolazione pronta consumare gli insetti come cibo, e sono soprattutto i giovani maschi e di buona cultura. L’identikit emerge da un articolo pubblicato sulla rivista “Food Research International” da un team del Dipartimento di Scienze veterinarie dell’Università di Pisa, guidato dalla professoressa Gisella Paci e composto dai dottori Simone Mancini, Roberta Moruzzo e Francesco Riccioli. I ricercatori hanno messo insieme e confrontato i dati provenienti da una quarantina di studi pubblicati dal 2012 ad oggi per capire quali categorie di persone più disponibili ad accettare gli insetti nel proprio piatto.
“Gli uomini fra i venti e i trenta anni sono i consumatori più interessati, soprattutto per una questione di curiosità - spiega Simone Mancini che sta svolgendo alcuni progetti di ricerca sul tema degli insetti edibili - e questo vale sia al livello italiano che europeo, come indicano le ricerche svolte sulle fasce di popolazione più giovani come ad esempio gli studenti universitari”.
Fattore curiosità a parte, dalla rassegna condotta dai ricercatori dell’Ateneo di Pisa emerge che le persone preferiscono comunque consumare gli insetti come ingredienti piuttosto che interi. Il disgusto provocato dal vederli gioca infatti un ruolo fondamentale, soprattutto perché nella cultura occidentale sono spesso associati all’idea di sporco e di contaminazione. Se invece gli insetti edibili sono trasformati in “polvere” e addizionati come ingrediente a un prodotto noto, la repulsione scende notevolmente.
“Gli insetti fanno parte della dieta tradizionale e sono storicamente consumati come animali di allevamento e di cattura in Asia, Africa, Sud America e Centro America - sottolinea Gisella Paci - la sfida è di capire come anche in occidente si possa accettare culturalmente questo nuovo cibo”.
A favore del consumo degli insetti giocherebbero infatti molti fattori. Numerosi studi scientifici, per esempio, evidenziano il loro alto valore nutrizionale come fonte proteica, di lipidi, minerali e vitamine, caratteristica che unita alle ridotte richieste di superficie, ha spinto le agenzie spaziali a studiarli come possibile cibo nelle missioni spaziali. Ma considerata la questione dell’impatto ambientale, gli insetti si candiderebbero come nutrimento del futuro anche per il nostro pianeta. Non a caso le Nazioni Unite li hanno individuati come una possibile risposta al crescente bisogno di proteine dovuto all'incremento della popolazione umana stimata in 9,7 miliardi nel 2050.
“L’interesse verso gli insetti ci riguarda direttamente dato che nei prossimi anni, specie dopo la direttiva europea sul “novel food” in vigore dal gennaio del 2018, troveremo sicuramente questi prodotti negli scaffali dei supermercati come già accade nel nord Europa, Belgio e Olanda in primis, e fuori l’Unione europea, nella vicina Svizzera - conclude Gisella Paci - in questa ottica sarà quindi necessario pensare ai processi di allevamento e di trasformazione in termini di investimento e di nuove strategie gestionali, il tutto unito ad un imprescindibile impegno informativo e comunicativo per aumentare l’accettabilità degli insetti nella cultura occidentale, che faccia leva sugli aspetti economici, ambientali e sociali”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli