02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Milano e Roma, le due città d’Italia al top per la spesa per il vino. A dirlo Supermercato24

Bollicine in testa alla preferenze. Tra i bianchi primeggiano al top Pinot, Chardonnay e Vermentino, tra i rossi il Chianti
MILANO, ROMA, SUPERMERCATO24, vino, Italia
Milano la città d'Italia in cui si vende più vino secondo Supermercato24

Milano e Roma, le due città più grandi d’Italia per abitanti, e anche le due città del Belpaese dove si vende più vino. A dirlo un’indagine di Supermercato24, servizio di spesa a domicilio, che rileva come nel capoluogo meneghino si concentri il 2,5% della spesa totale degli italiani per il vino, mentre la Capitale pesa per il 2%, davanti a Torino (1,8%). Almeno, questo dicono i dati calcolati sulla base degli acquisti effettuati dagli utenti di Supermercato24, tra settembre 2018 a settembre 2019, da cui emerge che “nel nostro Paese, sono stati acquistati ben 850.000 litri di vino, con un aumento del 25% sul 2018 e un peso sull’intera categoria di bevande pari al 17%”.
Secondo l’indagine, nella scelta del vino gli italiani non hanno dubbi: le bollicine sono una certezza. Nella top 5 degli abitanti del Bel Paese, infatti, i primi posti per indice di gradimento sono occupati da 4 vini di questa categoria. Tra i bianchi troneggia il Pinot Chardonnay, seguito dal vino da tavola e dal Vermentino sardo, mentre tra i rossi stravince il Chianti, seguito dallo Shiraz laziale e dalla Barbera d’Alba.

“È interessante scoprire quanto gli italiani amino coccolarsi, soprattutto a tavola, accompagnando i loro pasti con un buon bicchiere di vino - ha dichiarato Federico Sargenti, Ceo di Supermercato24 - analizzare le abitudini di consumo dei nostri clienti e i loro gusti per noi è importante, perché ci permette di capire le loro esigenze e lavorare sempre al meglio per offrire loro un servizio veloce, semplice e puntuale che consenta di effettuare la propria spesa online in totale comodità, da sito come da app”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli