02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024
AGRICOLTURA E FISCO

Milleproroghe approvato alla camera: 9 aziende agricole su 10 non pagheranno l’Irpef

Prorogati i termini per la revisione delle macchine agricole e altre misure. Ad illustrarle la Coldiretti
AGRICOLTURA, Coldiretti, MILLEPROROGHE, Non Solo Vino
Milleproroghe approvato alla Camera: 9 aziende agricole su 10 non pagheranno l’Irpef

Sono 387.000 le aziende agricole italiane che beneficeranno dell’esonero totale dell’Irpef, il 90% di quelle soggette al pagamento dell’imposta sui redditi dominicali e agrari. Emerge da una stima Coldiretti su dati Inps diffusa per l’approvazione alla Camera del Decreto Milleproroghe. “Sul resto della platea l’esenzione verrà calcolata - sottolinea Coldiretti - in forma progressiva e riguarderà il totale delle 430.000 imprese agricole professionali e coltivatori diretti”. “La riduzione delle imposte e degli oneri fiscali e previdenziali è una necessità per rilanciare la competitività delle imprese” ha sottolineato il presidente Coldiretti Ettore Prandini. Ma il decreto Milleproroghe contiene anche altri importanti provvedimenti per il settore agricolo fortemente “sostenuti dalla Coldiretti”, spiega l’organizzazione a partire dalla proroga del periodo transitorio dell’effettiva operatività del nuovo Sistema di identificazione e registrazione degli operatori e degli animali che permette agli allevamenti di disporre di maggior tempo per adeguare la propria organizzazione aziendale. Importante anche la proroga del termine per la revisione delle macchine agricole immatricolate prima del 1984, sollecitata da Coldiretti in sede di audizione parlamentare, rinviato al 31 dicembre 2024. Proroga anche per l’assicurazione Rca sulle macchine agricole che non circolano su strade di uso pubblico. È stato, inoltre, incrementato di 4 milioni di euro - conclude Coldiretti - il Fondo triennale della pesca e dell’acquacoltura 2022-2024.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli