02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GREAT WINE CAPITALS

Monte Zovo, Tommasi, Negrar, Gerardo Cesari: le eccellenze dell’enoturismo veronese

Tra i “magnifici 7” di “Best of Wine Tourism” anche la Strada del Soave, Locanda Roeno e Villa Spinosa. La finale mondiale a Bordeaux a novembre

Il Veneto è una delle regioni più importanti del mondo, i territori della Valpolicella e del Soave tra i più visitati dagli enoturisti. Ed a selezionare le eccellenze del settore, è il contest “Best of Wine Tourism”, firmato dalla Camera di Commercio di Verona, nel contesto delle “Great Wine Capitals”, l’associazione internazionale che riunisce alcune delle grandi capitali del vino mondiale. E, così, i “magnifici 7” dell’enoturismo del territorio veneto sono Villa Quaranta Tommasi Wine Hotel and Spa per la ricettività, Monte Zovo (Cottini) per le politiche sostenibili nell’enoturismo, Cantina Valpolicella di Negrar - Domìni Veneti per le esperienze innovative nell’enoturismo, Gerardo Cesari per l’arte e cultura, la Locanda Roeno per la ristorazione, Villa Spinosa per l’Architettura e il paesaggio, e l’associazione delle Strade del Vino Soave per i servizi per l’enoturismo, eccellenze selezionate tra le 61 realtà in concorso.
“La nostra azienda - afferma, tra gli altri, Mattia Cottini, responsabile marketing di Monte Zovo - è particolarmente orgogliosa del premio ricevuto perché corona l’impegno che la mia famiglia da molti anni mette nella promozione della cultura della sostenibilità, valore fondante della nostra impresa”.

“L’accoglienza di una famiglia, i servizi di un grande albergo, l’ecletticità di una struttura che è cresciuta e si è evoluta negli anni ed il lavoro di squadra di tutto il personale, diretto dal nostro Luca Carrara, premiano un percorso di cui siamo molto fieri - aggiungono affermano le responsabili Michela e Barbara Tommasi. L’ospitalità è parte fondamentale e strategica nel quadro d’insieme di Tommasi Family Estates. Non solo il vino, ma anche tutte le esperienze e le emozioni che ne derivano, dalla condivisione a tavola ad offerte benessere o meeting in un insieme unico ed esclusivo per soddisfare le esigenze dei consumatori, che scelgono il nostro marchio”
Continua così l’attività di sviluppo territoriale legata al mondo dell’enoturismo che vede Verona unica città italiana ad essere presente nella rete delle Grandi Capitali del Vino assieme a Adelaide (South Australia), Bilbao e Rioja (Spagna), Bordeaux (Francia), Losanna (Svizzera), Mainz (Germania), Mendoza (Argentina), Porto (Portogallo), San Francisco - Napa Valley (Usa), Valparaìso - Casablanca Valley (Cile).

I sette premiati veronesi che concorreranno a novembre a Bordeaux in Francia alla selezione internazionale, in gara con le imprese scelte nelle altre capitali del vino. Nel 2018 il vincitore per l’Italia è stato Masi Agricola per il Museo del Vino, nel 2017 è stato Zeni 1870 per la galleria olfattiva.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli