02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BABELE DI DATI

Nomisma Wine Monitor: tra dogane e Istat il cortocircuito di numeri dell’export enoico italiano

Rilevazioni diverse, ma entrambe “esatte” offrono un quadro assai diverso dei principali mercati, dagli Usa alla Cina
DATI, DOGANE, EXPORT, ISOPRESS, ISTAT, WINE MONITOR NOMISMA, Italia
Vino e mercati, nella Babele dei dati

Fonti, numeri, dati, spesso tutt’altro che concordi, raccontano le dinamiche del vino italiano disegnando un quadro intricato, in cui recuperare il bandolo della matassa, ed avere una visione chiara, rischia di diventare difficile. “Colpa”, se così si può dire, di rilevazioni costruite in maniera diversa, tanto che i dati Istat (estrapolati da quelli Eurostat) e quelli delle dogane danno risultati ben diversi, come rileva Ispropress sull’analisi Nomisma Wine Monitor, che porta ad esempio 4 news, tutte giornalisticamente esatte, sull’andamento dei mercati di Cina e Giappone.
“Bene il vino italiano in Cina nel primo trimestre di quest’anno, con una crescita nelle esportazioni di oltre il 5%” (fonte dati, Istat); “Prosegue lo stallo delle importazioni di vino in Cina, con l’Italia che registra nel primo trimestre una perdita di quasi il 20% sullo stesso periodo 2018” (fonte dati, dogane); “Giappone in leggera ripresa per il vino italiano, che nel trimestre registra un aumento del 3,4%” (fonte dati, dogane); “Vola, dopo l’accordo commerciale Ue-Giappone il vino tricolore nel Sol Levante: +20% la crescita (record) nel primo trimestre di quest’anno” (fonte dati, Istat). Nei fatti, sono rilevazioni che tracciano un profilo bianco e allo stesso tempo nero del mercato, rischiando di creare 2 mondi (commerciali) possibili nello stesso momento. Con il risultato di condizionare analisi e comportamenti di stakeholder, imprenditori, investitori, amministratori pubblici. Una lacuna, quindi, non solo informativa, ma commerciale.
Senza entrare in tecnicismi sofisticati (differenza CIF/FOB, diversi metodi di rilevazioni del commercio intra ed extra EU, tempi diversi di invio e ricezioni merci, ecc.), spiega Nomisma, la differenza sostanziale è che Eurostat (quindi Istat) tiene conto dell’export verso la prima destinazione estera, senza perciò considerare le triangolazioni delle merci in transito. Cosa che fanno le dogane,
che determinano le merci sulla base dell’origine. Le differenze non riguardano ovviamente solo la Cina e il Giappone: secondo i dati incrociati da Nomisma Wine Monitor per Ispropress, anche il trend nel trimestre nel primo mercato al mondo è piuttosto travagliato. Negli Stati Uniti infatti il risultato delle dogane è di 4 volte superiore a quello di Istat (+6,6% vs 1,8%), mentre luci rosse e verdi si accendono a intermittenza in Canada (-5,3% per Istat e +1,5 per le dogane). Infine la Russia, fuori dalla top10 dei Paesi buyer per Istat (con un valore delle importazioni a 20 milioni di euro), che risale al sesto posto per le dogane e un valore vicino ai 49 milioni di euro, il 140% in più.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli