02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E SCIENZA

Oiv, alt ai nomi dei vitigni esistenti per le varietà resistenti. La palla passa alla Ue

Dopo anni di studio ed incroci, le varietà resistenti a peronospora e oidio sono una realtà: ma spunta il nodo del nome
NOMI, OIV, VITIGNI RESISTENTI, Mondo
Vitigni resistenti, il nodo del nome

Ci vorrà ancora qualche anno per vederli irrompere sul mercato dei consumi, ma i vini prodotti da varietà resistenti a peronospora ed oidio, oltre che alle temperature più rigide, nate dall’incrocio varietale e da anni ed anni di studio in laboratorio, sono già una realtà, per quanto di nicchia e in certi casi osteggiata. Di varietà se ne contano già un centinaio registrate in Europa, di cui 10 in Italia (basti pensare ai “Piwi”), ma tante altre sono in attesa di registrazione ufficiale. E, aggiungiamo, di un nome che, secondo la risoluzione 609-2019 dell’Oiv - Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, pubblicata ieri, “devono evitare l’uso di nomi che potrebbero creare confusione con le varietà esistenti, in particolare quelle già permesse dalla legge vigente ed utilizzate in etichetta sui prodotti commerciali esistenti”. In sostanza, si sconsiglia l’uso nel nome dei vitigni noti, specie quelli internazionali, come Cabernet, Merlot, Sauvignon, ma affinché la risoluzione abbia efficacia, dovrà essere tradotta in un regolamento comunitario, adottato poi dai diversi Paesi della Ue.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli