02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Il buon raccolto dei detenuti: c'è un'azienda agricola modello alle porte di Roma. A mandarla avanti sono ladri, truffatori, piccoli spacciatori. Che hanno scoperto la possibilità di una vita diversa. Una grande idea: un vigneto, serre e un uliveto sono le coltivazioni principali nel carcere di Velletri ... il responsabile dell’azienda agricola Rodolfo Craia, la sovrintendente Salvatrice Cunsolo, con due dei detenuti addetti alla cantina: Marcello Bizzoni e Cesare Caucci ... La svolta c’è stata dopo l’arrivo di Marcello Bizzoni: un enologo proprio quando c’era bisogno di qualcuno che si prendesse cura di quei tre ettari di vigneti. A Velletri, dov’era conosciuto e riverito prima delle disavventure giudiziarie, Bizzoni aveva gestito una cooperativa vinicola capace di fatturato fino a 12 miliardi di lire l’anno. A Craia sembrò naturale chiedere a lui di occuparsi della cantina. E lui ci si mise subito d’impegno, anche se non molti scommettevano sui risultati.
L’azienda ora produce 17 mila bottiglie (ma il potenziale è di 50 mila) di bianchi e rossi da tavola: un ottimo (così giudicato da esperti toscani) novello, due doc Velletri e persino un doc rosso affinato in barrique. Vinta la scommessa, così come ora avviene per l’uva. Craia sta progettando la filiera completa anche per le altre produzioni: dalla terra all’industria alimentare. E così d quest’anno la frutta sarà trasformata in marmellate e succhi, le olive diventeranno olio ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli