02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Chianti in Toscana, sbarca il plurimilionario James B. Sherwood. Amante del vino, esteta degli affari, il magnate americano scommette sul marchio Capannelle ... Fank Sinatra amava il vino di Capannelle al punto di usarne le bottiglie in tiratura limitata, con l’etichetta d’oro, come segnaposto nelle cene importanti. Meno sfarzoso ma ugualmente edonistico l’apprezzamento di uomini come Donald Trump e Carlo De Benedetti che bevono sia il grande Chianti Classico che lo strepitoso Chardonnay. Ma qual è il segreto del successo di una piccola azienda arroccata su una collina dell’aspra terra toscana? “Attenta pianificazione ed estenuante ricerca delle qualità, lontano dai riflettori per 25 anni” risponde Raffaele Rossetti, patron di Capannelle fin quando non ha deciso di cedere terreni e colonica a James B. Sherwood, plurimilionario statunitense proprietario della catena alberghiera di lusso Orient-Express. Anche lui ama i vini ed è un esteta soprattutto nel fare affari. “E’ per questo che ho preferito il Chianti a Bordeaux” confessa ridendo di gusto Sherwood. “Preferisco l’allegria degli italiani e la bellezza di questa terra alla noia dei vigneti francesi”. In realtà, l’eclettico imprenditore non ha scelto di investire nel Belpaese solo per la sua gente. “Gli uomini che lavorano per me sono determinanti” ammette guardando l’enologo Simone Monciatti “ma quel che conta è la perfezione del prodotto in un luogo e in un momento nel quale c’erano ancor ai margini per fare un buon business”. La filosofia è semplice: piccoli passi e diversificarsi da tutti gli altri, come i 40 alberghi esclusivi che Sherwood possiede in 17 stati. Oggi Capannelle produce solo 50 mila bottiglie da circa 13 ettari di vigneti ma i progetti sono ambiziosi. “Cresceremo senza perdere la nostra identità” promette Sherwood “rafforzando quel rapporto che ci consente un’alta fidelizzazione dei clienti”. Per questo motivo a Capannelle è stato costruito un caveau dove vengono custodite le bottiglie degli appassionati. Pronte a essere consegnate su richiesta.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli