02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Storie di vino - Rosso da professore: Naturalis historia, sposalizio tra uve Aglianico e Piedirosso … Se Giacomo Tachis è l’enologo che più ha rivoluzionato il vino italiano moderno, il suo collega Plinio il Vecchio è quello che meglio ha indirizzato la coltivazione e l’uso di quello antico. Il quattordicesimo volume della sua Storia naturale (I secolo dopo Cristo) è dedicato alle tecniche di coltivazione e di vinificazione (il ventitreesimo all’uso terapeutico del vino, ma questo è un altro discorso). Come vocazione enologica la Toscana degli antichi era la Campania. E bene ha fatto dunque a ricordarsi di Plinio, Piero Mastroberardino, infaticabile erede della storica dinastia di Atripalda che produceva vino già nel Settecento. Si chiama infatti Naturalis istoria il prodotto della casa che più mi affascina. E’ un vino rosso che il professore (tale è Mastroberardino) definisce frutto dello sposalizio tra un’uva maschia (l’Aglianico, provvisto di ben visibili attributi) e un’uva femmina, il profumato Piedirosso. Il risultato è eccellente. E sorprendente perché diverso da tutti gli altri prodotti in quest’area, morbido e strutturato insieme, innovativo. Elegantissimo e al tempo stesso alla mano: assaggiandolo ho ripensato a quando Giovanni Agnelli metteva a suo agio con il sorridente: “Come sta?”. T’invitava alla franchezza, anche se non alla confidenza.
L’annata che ho assaggiato è il 2000 e lo colloca un gradino sopra il celebre Taurasi, famoso nel mondo, dal classico profumo profondo, misterioso, meridionalissimo. I bianchi d’eccellenza di Mastroberardino sono il Greco di Tufo e il Fiano. Ho assaggiato l’ultima annata (2003) del secondo, il più nobile. Buono, niente da dire, ma forse una tacca sotto altri suoi fratelli archiviati nella mia memoria: meno avvolgente, meno affascinante (parliamo tuttavia, s’intende, di concorrenti a una finale di Miss Italia).
Onore, dunque, a quest’azienda che in anni ormai lontani ebbe un piccolo sbandamento e che è tornata felicemente a dare il meglio di sé in Italia e nel mondo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli