02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

Storie di vini ... Fiano della nonna ... Clelia Romano ha imposto un felice matriarcato alla sua azienda di Lapio, sulle alture avellinesi. Il marito Angelo, che pure è uno del ramo, ha un ruolo subordinato, come i figli Carmela e Federico. Magnanima, nonna Clelia ha onorato i tre nipoti mettendo il loro nome sulle etichette di altrettanti vini. Così Alessandro firma un Greco di Tufo in purezza (Alèxandros 2010): profumo intenso, sapore pieno e impegnativo. A Chiara è dedicato l’Aglianico Campi Taurasini (Donna Chiara 2009), a mio giudizio la sorpresa migliore del gruppo per il rapporto qualità/prezzo e per il garbo e la personalità che gli consentono di accompagnare correttamente un pasto intero. Ad Andrea, infine, è dedicato il Taurasi in purezza (Vigna Andrea 2007). Non conosco il carattere del giovanotto, ma a giudicare dal vino si annuncia tostarello. Il vino più premiato Clelia Romano deve averlo dedicato idealmente a se stessa (Fiano di Avellino 2010). Nonostante la stagione agra, il vino è rotondo e garbatamente potente. Più accattivante del Greco di Tufo.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli