02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Panorama

In auto, alla scoperta delle cantine argentine ... Mendoza è un posto magico. Arrivando da Buenos Aires si vede solo deserto, poi si scorge il verde delle valli. Un viaggio di 10 giorni permette di visitare l’area e godersi l’atmosfera Consiglio. affittare una macchina per raggiungere le destinazioni, dando così dei paesaggi. La prima zona da visitare (in due giorni) è Lujàn Cuyo, la più vicina a Mendoza, dove l’azienda da scoprire è Carinae, piccola “boutique winery” dove la squadra di Michel Rolland produce vini puliti e precisi: su tutti, il cuvée Brigitte. Nelle vicinanze si segnala Achaval-Ferrer, azienda che ha portato il nome del Malbec sull’olimpo del vino. In zona si possono degustare asado e pailliada in piccoli ristorantini. Il secondo giorno è da dedicare alle icone del vino argentino: su tutte Norton, azienda del 1895 con un ottimo ristorante. Il pianeggiante Maipù, non meno interessante dal punto di vista vitivinicolo, è la terza meta del tour. Qui Tempus Alba (in foto, una delle bottiglie) ha un buon numero di etichette di ottima qualità. Da provare il Pieno, assemblaggio di Malbec e Cabernet Sauvignon. Proseguendo, vale la pena la visita alla famiglia Zuccardi. Di origini italiane, possiede varie aziende, quella in Maipti fa vini interessanti. La Valle de Uco, terza tappa del viaggio enologico, è più distante ma giustifica il viaggio. La O. Fournierè una azienda riconosciuta per i vini cui l’altezza dona sinuosità e sensualità. La cantina J. E. Lurton è uno scorcio di Francia che conquista i mercati internazionali con il fresco Pinot gris. Non finite la vostra vacanza senza visitare Il microbirrificio di Jerome, a Mendoza: è l’unica birra fatta con acqua dal ghiacciaio, nella Cordigliera delle Ande, a quasi 2.000 metri sul livello del mare, a Potrerillos, Lujan de Cuyo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli