02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
AMBIENTE

Più alberi, giardini e parchi in città per combattere lo smog: l’appello di Coldiretti

Dopo l’allarme inquinamento lanciato ancora in diverse città italiane, Coldiretti torna a sottolineare il problema degli spazi verdi nelle metropoli
Coldiretti, SMOG, Non Solo Vino
Allarme smog nelle città italiane

Per fortuna, e non così presto sarebbe da aggiungere, la lotta allo smog è ufficiale: la consapevolezza che il Pianeta si sta avvicinando ad un punto di non ritorno, soprattutto a causa dello smog nelle città, è ormai consolidata, adesso è il momento di agire. E, secondo la Coldiretti, l’unico modo, per quanto riguarda la situazione urbana, è quella di diffondere il verde: parchi, giardini e alberi a volontà. Un nuovo allarme inquinamento nelle principali città italiane è stato lanciato, e sono scattate misure di limitazione del traffico. A favorire lo smog nelle città, sottolinea la Coldiretti, è, infatti, l’effetto combinato dei cambiamenti climatici, del traffico e della ridotta disponibilità di spazi verdi che concorrono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi. In Italia, inoltre, ogni abitante dispone in città di appena 31 metri quadrati di verde urbano, e la situazione peggiora per le metropoli con valori che vanno dai 6,3 di Genova ai 17,9 di Milano, dai 22 di Torino fino ai 29 metri quadrati a Bologna. Non si può continuare a rincorrere le emergenze, ma bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato considerato che, conclude la Coldiretti, una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili, mentre un ettaro di piante elimina 20 chili di polveri e smog in un anno.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli