02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

PREMI & VINO - IL “CASATO PRIME DONNE” 2013 A LINDA LAURA SABBADINI, CON UN MESSAGGIO FORTE CONTRO I FEMMINICIDI. PER IL GIORNALISMO E LA FOTOGRAFIA VINCONO EMANUELE SCARCI, ENZO VIZZARI, FIAMMETTA FADDA, ERNESTO GENTILI, MONTALCINONEWS ...

Dal Premio “Casato Prime Donne” - uno dei premi storici del mondo del vino, voluto da Donatella Cinelli Colombini e dalla sua famiglia, da secoli produttrice di Brunello di Montalcino, e che in questi anni ha premiato i migliori letterati, intellettuali e giornalisti italiani - quest’anno, arriva una richiesta di attenzione e di azioni concrete in favore del mondo femminile, ferito fisicamente e psicologicamente, come raccontano le troppe, tristi, cronache degli ultimi mesi: ecco il motivo della scelta, come “Prima Donna” 2013, di Linda Laura Sabbadini, direttore del Dipartimento di Statistiche Sociali Ambientali Istat, che, nel 2006, rivelò le dimensioni enormi del fenomeno fino a quel momento molto sottostimate: 6.700.000 donne oggetto di violenza fisica o sessuale, 10 milioni se si considerano anche le violenze psicologiche, un milione di donne con un passato di stupri o tentati stupri.
A fianco di Linda Laura Sabbadini, come sempre, verranno premiati, il 14 settembre, i contributi più significativi nella divulgazione del territorio di Montalcino, terra del Brunello: si parte dal Premio “Casato Prime Donne” (www.cinellicolombini.it) per il giornalismo alla firma femminile Fiammetta Fadda, con l’articolo intitolato “L’italiana che scala l’hit parade della vigna”, pubblicato sul settimanale “Panorama” e dedicato alla sfida italiana alle vette dell’enologia mondiale. Il premio del Consorzio del Brunello è andato, invece, a Emanuele Scarci, per un articolo di taglio economico “L’export spinge il vino italiano”, del “Il Sole 24 ore”, in cui si evidenzia come il vino italiano abbia retto alla crisi grazie ai mercati esteri e il Brunello abbia raddoppiato in soli cinque anni il suo export verso gli Stati Uniti. Ernesto Gentili e Enzo Vizzari, con l’articolo “Settebello” pubblicato nel settimanale “L’Espresso”, hanno vinto nella sezione “Io e Montalcino”, con un pezzo che tratteggia sette guru della tavola, fra cui Franco Biondi Santi, il grande produttore di Brunello recentemente scomparso.
La miglior fotografia dei territori dei vini Brunello e Orcia è stata scelta via web, e gli elettori digitali hanno deciso di premiare quella di Andrea Rabissi; una targa, poi, è stata consegnata alla MontalcinoNews (www.montalcinonews.com) per l’opera quotidiana di comunicazione del territorio ad un anno di distanza dall’assegnazione del Premio “Casato Prime Donne” 2012.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli