02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024
IL CASO

Produttività, reddito e sostenibilità: cosa chiedono gli agricoltori, in rivolta, all’Europa

Confagricoltura: “disagio del mondo agricolo in tutta l’Unione nei confronti del “Green Deal”, che ha posto il settore sul banco degli accusati”
AGRICOLTORI, AGRICOLTURA, Europa, FRANCIA, Germania, ITALIA, PAESI BASSI, ROMANIA, SPAGNA, UNGHERIA, Non Solo Vino
Il grano, uno dei prodotti agricoli più diffusi (ph: kotkoa by Freepik)

Produttività, reddito e sostenibilità, il messaggio degli agricoltori all’Europa per riscrivere il futuro del settore. Come è noto, e riportato più volte anche da Winenews, negli ultimi tempi gli agricoltori hanno deciso di far sentire la propria voce nel cuore delle grandi città e per le strade, rivendicando le proprie ragioni. Confagricoltura ha elencato cosa è successo recentemente nel Vecchio Continente, ad iniziare dalle Germania, dove il Governo “ha presentato una manovra straordinaria di correzione dei conti pubblici che prevede la soppressione delle agevolazioni fiscali al gasolio agricolo. Finora non è stato possibile raggiungere un’intesa e ulteriori manifestazioni sono già state programmate”. Un altro Paese dalla grande tradizione e la Francia, i cui “agricoltori hanno contestato le proposte governative, poi ritirate, di aumentare il prelievo fiscale sull’acquisto di fitofarmaci e sull’acqua destinata all’irrigazione. In Polonia, Ungheria e Romania, i produttori sono scesi in piazza per i contraccolpi economici provocati dall’aumento delle importazioni di prodotti agroalimentari dall’Ucraina. Il balzo in avanti è stato di quasi il 90% a livello Ue rispetto ai livelli del 2021”. E poi c’è la Spagna, dove, per ora, “non si sono verificate manifestazioni pubbliche, ma la tensione è salita dopo l’aumento deciso dal governo del salario minimo interprofessionale del 5% a partire dal 1 gennaio. Il salario minimo si attesta ora a 1.134 euro lordi al mese per quattordici mensilità”. La nota settimanale di Confagricoltura cita anche “le proteste degli allevatori nei Paesi Bassi nella primavera dello scorso anno, per le misure del governo tese a ridurre la dimensione degli allevamenti, allo scopo di tagliare le emissioni di azoto. Nel 2019, il più alto tribunale amministrativo olandese ha stabilito che i piani fino ad allora realizzati non erano sufficienti per centrare gli obiettivi stabiliti dalla Ue”, senza dimenticare “il disagio del mondo agricolo in tutta l’Unione nei confronti del “Green Deal”, che ha posto, di fatto, il settore primario sul banco degli accusati. Le specifiche proposte della Commissione non hanno fatto tutta la strada prevista. Il Consiglio Ue, ad esempio, deve ancora prendere posizione sul progetto legislativo che prevede il taglio fino al 50% dell’uso di fitofarmaci e il Parlamento europeo ne ha chiesto formalmente il ritiro. Difficile, per non dire impossibile, siglare un’intesa prima delle elezioni per il rinnovo dell’Assemblea di Strasburgo. Entro gennaio dovrebbe partire il dialogo strategico sul futuro dell’agricoltura annunciato dalla presidente della Commissione Ue. Nella circostanza, sarebbe opportuno prendere in esame anche le recenti decisioni assunte nel Regno Unito. Durante la permanenza nell’Unione, i governi di Londra hanno sempre contestato la Pac ritenuta troppo costosa e burocratica. Ora è stato deciso di aumentare in via immediata del 10% i trasferimenti pubblici agli agricoltori e il varo di un nuovo stanziamento per favorire la transizione energetica e la diffusione delle innovazioni tecnologiche. L’obiettivo, è stato dichiarato, è quello di far coesistere la sostenibilità ambientale con quella economica, salvaguardando la produzione agricola nazionale che copre il 60% del fabbisogno interno. Un cambio di rotta è indispensabile anche a Bruxelles. Il tema sarà senz’altro al centro della campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento Europeo”.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli