02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RICERCA

Progetto Olgenome, l’olivo non ha più segreti: il Crea completa il sequenziamento del genoma

La varietà è il Leccino, tra le più diffuse. Si aprono nuove prospettive nel anche per il contrasto alle malattie e ai cambiamenti climatici
CREA, GENOMA, ULIVO, Non Solo Vino
Un ulivo secolare nella Valle dei Templi, in Sicilia (Ph: Don Fontijn)

E adesso anche il genoma dell’olivo non ha più segreti: dopo tre anni di studi e sperimentazioni condotti nell’ambito del progetto Olgenome, il Crea (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria) con il suo Centro di Ricerca Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura presenta il sequenziamento completo del genoma dell’ulivo, varietà Leccino, tra le più diffuse in Italia. Il Crea ha ideato e coordinato l’intera ricerca, identificando e caratterizzando i geni espressi nella cultivar Leccino, studiando funzioni geniche di interesse e avvalendosi del supporto specialistico di Iga Technology Services per il sequenziamento e l’assembling del genoma e del Crea Genomica e Bioinformatica per lo sviluppo di una mappa genetica e l’annotazione funzionale del genoma.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

TAG: CREA, GENOMA, ULIVO

Altri articoli