02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
NUMERI E AGRICOLTURA

Rapporto Ismea-Qualivita: la Dop Economy italiana supera i 16,2 miliardi di euro

A trainare la crescita (+6%) comparto vino e agroalimentare. Export, per la prima volta, oltre 9 miliardi
agroalimentare, DOP, DOP ECONOMY, IGP, ISMEA, QUALIVITA, Non Solo Vino
La Dop Economy italiana

La “Dop Economy” italiana si conferma driver fondamentale dei distretti agroalimentari del Belpaese. Lo certifica il Rapporto Ismea-Qualivita n. 17 sui dati produttivi 2018, che registra un’ulteriore crescita per il settore wine & food delle Dop e delle Igp, con un valore alla produzione delle oltre 800 Indicazioni Geografiche che, per la prima volta, supera i 16,2 miliardi di euro (+6% in un anno), grazie soprattutto alla performance del comparto vino (+7,9%) e dell’agroalimentare (+3,8%). Bene anche l’export che scavalca la soglia dei 9 miliardi di euro (+2,5%), grazie al lavoro di oltre 180.000 operatori e l’impegno dei 285 Consorzi di Tutela riconosciuti. Anche qui il contributo maggiore arriva dal comparto dei vini con un valore di oltre 5,4 miliardi mentre più stabile è il valore delle Dop e Igp agroalimentari che si attesta sui 3,6 miliardi per un +1,2% annuo.
Il Rapporto Ismea-Qualivita sottolinea poi la grande crescita del valore alla produzione dei vini Ig sfusi (3,5 miliardi di euro e +9,1% su base annua), con l’imbottigliato che raggiunge 8,9 miliardi di euro (+7,9%).
La produzione complessiva resta sotto la soglia dei 25 milioni di ettolitri con tendenze opposte tra le Dop che superano i 16 milioni di ettolitri (+7,4%) e le Igp ferme a 8,3 milioni di ettolitri (-10,3%). La tra#sformazione di alcune Igp e l’introduzione di nuove Dop hanno contribuito ad affermare quest’ultime nell’assetto geografico e quantitativo nazionale. Ancora bene l’export che nel 2018 rag#giunge 5,4 miliardi di euro (+3,5%) su un totale di 6,2 miliardi del vino italiano nel suo complesso: i vini Dop e Igp rappresentano il 74% del totale export vinicolo italiano in volume e l’87% in valore.
Nuovo record poi per l’agroalimentare italiano Dop, Igp e Stg, che, nel 2018, raggiunge i 7,26 miliardi di euro di valore alla produzione e cresce del +3,8% rispetto al già positivo 2017, con un trend del +43% dal 2008. Il valore al consumo pari a 14,4 miliardi di euro conferma il risultato dell’anno precedente, mentre continua la crescita sul fronte export che per il comparto Food Ig raggiunge i 3,6 miliardi di euro per un +1,2% su base annua con le esportazioni agroalimentari Dop e Igp che dal 2008 hanno registrato ogni anno una crescita in valore (+218% in totale). Un terzo delle esportazioni in valore è verso Paesi Extra Ue (33%), mentre i mercati principali si confermano Germania (20%), USA (18%) e Francia (15%).
L’analisi degli impatti economici territoriali, elaborata nel Rapporto Ismea-Qualivita, mostra, infine, come tutte le Province in Italia hanno una ricaduta economica dovuta alle filiere IG agroali#mentari e/o vitivinicole, un sistema che caratterizza tutto il Paese anche se la concentrazione del valore è forte in alcune realtà: le prime quattro regioni per impatto economico (Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Toscana) concentrano il 65% del valore produttivo IG e le prime cinque Province (Treviso, Parma, Verona, Modena e Cuneo) superano la metà del valore complessivo generato a livello nazionale dalle filiere wine & food Dop e Igp.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli