02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BAROLO

Réva, il “grappolo d’uva” dell’imprenditore ceco Miroslav Lekes investe nel cru Cerretta

Arrivato in Piemonte quasi per caso, nel 2012, oggi ha fatto del suo progetto una realtà poliedrica: vigneti, un wine-resort e lo stellato “Fre”

Ad ascoltarla, sembra la trama di un film. E, in effetti, a portare tra le colline delle Langhe Miroslav Lekes, imprenditore farmaceutico ceco con una passione smodata per il vino, è stato proprio un film: “Under the Tuscan Sun”. Il sole, alla fine, è diventato quello del Piemonte, dove ha deciso di investire nel 2011, cercando proprietà in vendita ... su Yahoo.
Réva
(che, in ceco, vuol dire “grappolo d’uva”), a Monforte d’Alba, nasce così, nel 2012, per diventare una proprietà di 35 ettari, di cui 23 vitati, in cru come Ravera, Lazzarito e il mitico Cannubi. Un vero e proprio“organismo agricolo”, che alla viticoltura ha affiancato l’accoglienza di un wine-resort e la cucina stellata del Fre, guidata dall’executive chef Francesco Marchese e nella galassia di Yannick Allenò (tre stelle Michelin a Parigi, con “Pavillon Ledoyen, ndr).
Un ecosistema in continua crescita ed evoluzione, sempre in equilibrio con l’ambiente circostante, ma con lo sguardo dritto e aperto nel futuro. Come raccontano, a dieci anni dalla sua nascita, gli ultimi investimenti di Miroslav Lekes in Réva. Prima di tutto, l’acquisto di 15 ettari vitati a Roddino (fuori dall’areale di produzione del Barolo, ndr) per lavorare, fin da ora, terreni che hanno climi ed esposizioni ideali per il domani. Quindi, l’acquisto di un ettaro a Cerretta, nel Comune di Serralunga d’Alba, investimento che punta ad implementare ed integrare ulteriormente la gamma dei Barolo con un nuovo cru.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli