02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BRAND DEL VINO E RISTORAZIONE

Ristoranti a “marchio enoico” sempre più di tendenza, e ora Masi apre anche a Cortina

Una strada percorsa da realtà come Antinori, Frescobaldi\, tra gli altri, passando per la ristorazione “da viaggio” con altri grandi nomi
MASI, RISTORANTI, Archivio
Ristoranti a marchio enoico sempre più di tendenza, e Masi apre anche a Cortina

Unire il proprio marchio enoico alla ristorazione di qualità, creando ristoranti “brandizzati”: un percorso intrapreso con sempre più convinzione, in Italia e nel mondo, da tanti marchi prestigiosi dell’Italia del vino, da Antinori a Frescobaldi, per citare alcune delle esperienze più longeve e di maggior successo in questo senso (senza contare il “presidio” della ristorazione “da viaggio”, come fatto da realtà come Santa Margherita, Zonin, Gruppo Italiano Vini e Villa Sandi, tra le altre). Un “parterre de rois” di cui fa parte anche Masi Agricola, realtà leader dell’Amarone della Valpolicella e non solo, che aprirà a Cortina d’Ampezzo, perla delle Dolomiti, il “Drusciè Masi Wine Bar - Vino e Cucina - Cortina”, in partnernship con la società Tofana Srl.

“Questa iniziativa rientra in “Masi Wine Experience”, il nostro macroprogetto strategico volto a instaurare un contatto sempre più diretto con il consumatore finale per comunicare in modo più efficace le caratteristiche del marchio e i valori retrostanti, in termini vinicoli, ma anche più ampiamente culturali e di lifestyle. Un modo per arricchire il nostro brand di ulteriori significati”, ha commentato Sandro Boscaini, presidente di Masi, tra le pochissime cantine italiane ad essere quotate in Borsa, sul listino Aim Italia.

La joint venture, che avrà durata inizialmente di 8 anni, prevede il coinvestimento dei due partner per allestire il locale, nei pressi del rifugio “Col Drusciè 1778”.

“La gestione si avvarrà delle esperienze di successo degli altri wine bar ristoranti monomarca Masi (in Valpolicella Classica con la Foresteria e wine shop Serego Alighieri, sul Lago di Garda con Masi Tenuta Canova, a Valdobbiadene con il wine shop Canevel, a Zurigo con lo Zurich Masi Wine Bar ed in Argentina con Masi Tupungato, ndr) nel brandizzare i propri servizi di eccellenza - spiega una nota - e sarà svolta dalla consolidata professionalità di Tofana. L’apertura è prevista per l’inizio della prossima stagione sciistica”.

“Cortina è definita la “Perla delle Dolomiti”, ma adesso rappresenta anche un’ulteriore “perla” nella “collana” della Masi Wine Experience - ha aggiunto Federico Girotto, ad Masi - è una location di grande suggestione, garanzia di qualità senza tempo, patrimonio delle Venezie ed eccellenza italiana nel mondo: insomma una cornice perfetta per fare vivere ai Masi lovers un’esperienza indimenticabile”.

“Collaborare con Masi è un’opportunità unica che rispecchia la missione di Tofana di migliorare il proprio servizio con prodotti di elevata e riconosciuta qualità in un contesto particolarmente esclusivo per il suo paesaggio e per le sue piste da sci”, ha detto Mario Vascellari, amministratore unico di Tofana, la cui famiglia opera in diversi settori di attività, tra cui l’energetico e l’alberghiero, e gestisce da oltre 50 anni delle linee di risalita funiviaria della Tofana e della Marmolada.

Un investimento di lungo respiro, ma che guarda anche al breve termine: nei prossimi 4 anni Cortina ospiterà complessivamente 28 gare internazionali di sci, fra Coppa del Mondo e Mondiali e una serie di appuntamenti di Coppa Europa e competizioni juniores. Questo percorso inizierà con la Coppa del Mondo di sci alpino femminile il 20 e 21 gennaio 2019 e proseguirà con le finali di Coppa del Mondo nel 2020. Un susseguirsi di eventi sportivi che troveranno il loro culmine nel febbraio 2021, quando questa località mondana sarà di nuovo al centro del carosello mondiale dello sci e ospiterà i Mondiali di Sci Alpino.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli