02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

“SICILIA 2005 E’ TEMPIO DI BLUES”: CHITARRE GRAFFIANTI E CALICI A BLUES WINE SOUL FESTIVAL

Torna ad Agrigento il “Blues and Wine Soul Festival”, l’appuntamento “made in Sicily” che offre al popolo del blues, soul e gospel l’opportunità di godere musica, tra gli ulivi e i mandorli della Valle dei Templi, degustando vino e visitando le cantine della valle del Belice, Sciacca e provincia agrigentina.

“Sicilia 2005. E’ tempio di Blues” si annuncia come una settimana di “chitarre graffianti, mescita no stop e workshop enogastronomici”, con tappe ad Agrigento, dal 18 al 24 luglio, a Catania il 26 luglio, a Palermo il 28 luglio e Siracusa il 31 luglio. Aziende vitivinicole che hanno detto sì? Milazzo, Mandrarossa, Planeta, Rallo, Riondo, Covital e Feudo Arancio. Nato nel 2003 per volontà e passione del pianista-produttore-direttore artistico Joe Castellano, il “Blues and Wine Soul Festival” è promosso dalle Città del Vino, Regione Siciliana, tutte le istituzioni di Agrigento, Confimpresa Euromed, Touring Club Italia, con la partecipazione di Meridiana e Città del Vino Welcome con Italian Leisure Group. “I primi tre giorni del Festival - annuncia Castellano - saranno dedicati al movimento crescente dei bluesmen italiani. Già definita la partecipazione di un gruppo gospel a 14 voci di Los Angeles e le star Roy Roberts e Johnny Rawles di Memphis. Il Festival dedicherà lo speciale premio “La cultura del vino - il vino per la cultura” alla memoria di Luigi Veronelli, sostenitore dell’evento dal suo debutto”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli