02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E CULTURA

Sostenibilità e solidarietà per uscire dalla crisi: il messaggio del premio Masi n. 39

L’appello dei vincitori: la virologa Ilaria Capua, l’alpinista produttore Reinhold Messner, Maximilian Riedel e Filippo Grandi (Nazioni Unite)

Il futuro prossimo e quello a lungo termine, in ogni ambito, passano dalla sostenibile, nella sua declinazione ambientale, sociale ed economica. Filo rosso che ha guidato la selezione dei vincitori del Premio Masi n. 39, andati alla ricercatrice e virologa italiana di fama internazionale Ilaria Capua, all’alpinista dalle straordinarie imprese, strenuo difensore della montagna Reinhold Messner (che è anche produttore di vino, in Alto Adige, con la cantina Unterortl-Castel Juval), all’imprenditore pioniere della sostenibilità ambientale Andrea Rigoni della Rigoni di Asiago, a Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e ad una realtà che negli anni ha divulgato la cultura del vino di qualità attraverso i suoi calici, come Riedel Glass. La premiazione, andata in scena on line nei giorni scorsi, è stata anche momento di riflessione tra vincitori, in un dibattito moderato dal giornalista di Radio24 Alessandro Milan, con al centro proprio la “sostenibilità”, tema reso quanto mai attuale anche dell’emergenza legata alla pandemia. Da cui è uscito un appello unanime alla responsabilità di ognuno e ad un atteggiamento meno egoistico, come hanno ricordato i premiati. “Questa catastrofe porta con sé un’energia generativa che ci deve portare nella direzione della Sostenibilità, ci dà un vantaggio temporale e ci obbliga nell’immediato a un modello di vita nel rispetto degli altri e della natura”, ha detto Ilaria Capua. “La pandemia è il messaggio più forte che la natura ci ha mandato: ci fa capire che le sfide globali possono solo essere affrontate assieme”, ha aggiunto Filippo Grandi, mentre Reinhold Messner ha sottolineano come “non siamo padroni del mondo, se non rispettiamo le regole saremo noi a pagare”.
“In questo momento storico non c’è salvezza senza Sostenibilità. Questa non vuole essere una battuta ironica, ma un’affermazione che esprime un’assoluta, necessità. La Fondazione Masi ha scelto questo indirizzo perché il Premio ha avuto, fin dal principio, nel suo dna, i valori legati alla Sostenibilità; forse non in maniera evidente e visibile come oggi ma, come per istinto, era già presente questa direzione, che oggi è diventata un’esigenza imprescindibile”, ha detto Isabella Bossi Fedrigotti, scrittrice e presidente della Fondazione Masi.
“La Sostenibilità è fine e mezzo, un modo di vivere la propria vita, il proprio lavoro, l’ambiente e la collettività”, ha aggiunto Sandro Boscaini, vicepresidente della Fondazione e alla guida di Masi Agricola, realtà leader dell’Amarone della Valpolicella e non solo.
“È il modo in cui l’essere umano avrebbe sempre dovuto operare e agire. Ci sono state delle fughe in avanti e, specialmente negli ultimi anni, in particolare in campo economico, sociale e ambientale. Ora - sottolinea Boscaini - dobbiamo tornare a ripensare davvero a quale è il nostro destino finale se non ci incamminiamo verso una naturalezza che vuol dire, appunto, ’sostenibilità’. Un termine recente, ma un modo antico di vivere in armonia con la natura e con i nostri simili.” Ha poi continuato: “la Sostenibilità in Masi c’è sempre stata: creiamo un prodotto alimentare, un prodotto di classe, un prodotto che, nel momento in cui lo beviamo, diventa parte di noi. Perciò, aspetti come accuratezza, qualità, integrità, igiene e genuinità sono costantemente fondamentali per noi. Oggi integriamo il tema dell’ambiente e quello sociale. Se mettiamo tutto assieme e lo incapsuliamo in una parola dobbiamo dire che sì, i nostri vini e il nostro modo di agire sono in linea con la Sostenibilità”.
Ad intervenire, con un lettera, anche il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia: “il Premio Masi è un appuntamento divenuto un punto fermo nel panorama culturale della nostra regione, coniugando le qualità del mondo agricolo, cui sono fortemente ancorate le nostre radici, con la cultura. “Alla sapienza non si può nuocere; il tempo non la cancella; nessuna cosa la può sminuire”, diceva Seneca e sinceramente condivido queste sue parole quando penso alla nostra società rurale che nei secoli ha acquisito una sapienza che le ha consentito di giungere a traguardi importanti, non dimentichi del rapporto con la terra e dei valori che è capace di trasmettere”.

Focus - Premio Masi n. 39: i commenti dei vincitori, da Ilaria Capura a Reinhold Messner
Ilaria Capua: “Il Premio Masi rappresenta per me la grande generosità della Civiltà Veneta. È una grande gioia poter essere una veneta d’adozione, una gioia vera”.

Reinhold Messner: “Produco vino in una piccola azienda agricola. So quanto è difficile creare dei vini che non siano soltanto buoni ma anche genuini e autentici. È la sostenibilità che mi spinge a fare il meglio per la mia terra. Ho accettato il “Premio Masi Civiltà Veneta” sapendo che Masi in questo senso dimostra grande responsabilità”.

Andrea Rigoni: “Ricevere un premio così importante come il “Premio Masi Civiltà Veneta”, insieme a Ilaria Capua e a Reinhold Messner, è per me da veneto e per Rigoni di Asiago un grande onore. Essere definito un pioniere della sostenibilità ambientale conferma che la strada che stiamo percorrendo da quasi cent’anni è quella giusta: la nostra vocazione, ieri come oggi, è quella di offrire prodotti biologici, buoni per l’uomo e per l’ambiente. Da sempre, abbiamo voluto sostenere le filiere agricole italiane e abbiamo scelto di rimanere legati al nostro amato territorio, l’Altopiano di Asiago, dove continuiamo a produrre secondo natura. Territorialità e sostenibilità non sono per noi dei proclami, bensì scelte praticate con coerenza ogni giorno”.

Maximilian Riedel: “Sono onorato e orgoglioso che la nostra famiglia abbia ricevuto il ‘Premio Internazionale Masi Civiltà del Vino’. Ancora di più, poiché la famiglia Riedel è dedita al vino e alla creazione di strumenti perfetti per il suo apprezzamento. Non dobbiamo dimenticare, tuttavia, che non esistono prodotti di alta qualità se la nostra natura è sbilanciata. La sostenibilità è più importante che mai: è fondamentale per tutti noi. È un obiettivo dell’intera famiglia Riedel che, insieme, facciamo la nostra parte per garantire una vita sana e sicura per le generazioni future”.

Filippo Grandi: “Ricevere il “Premio Internazionale Masi - Grosso d’Oro Veneziano” è per me un grande onore - specialmente quest’anno, in cui il tema centrale del premio è la sostenibilità. La mia organizzazione, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, si occupa di persone in fuga da guerre, violenza, discriminazioni e violazioni dei diritti umani. Mi si chiede spesso: come possiamo ridurre il numero di rifugiati e sfollati nel mondo, che oggi sono 80 milioni? Considerando che i flussi dei rifugiati oggi sono resi ancora più complessi e gravi dalle disuguaglianze economiche, dall’emergenza climatica e dalla crescita delle pandemie. La risposta sta proprio nella sostenibilità. Promuovere un modello sostenibile di sviluppo- dal punto di vista politico, economico e climatico - serve a ridurre gli effetti negativi di questi fenomeni, ma anche ad affrontare e (speriamo) risolvere le cause profonde delle crisi che costringono milioni di persone a fuggire dalle proprie case e spesso dai propri paesi”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli