02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GIOVANI E ALTA RISTORAZIONE

#tavola25, Jre e Marchesi Antinori lanciano il progetto per avvicinare i giovani all’alta cucina

I ragazzi dai 18 ai 25 anni possono prenotare un tavolo nei ristoranti aderenti Jre, ed avere tre portate abbinate a tre vini Antinori a 25 euro
#TAVOLA25, JRE, MARCHESI ANTINORI, Italia
Jre e Marchesi Antinori, al via il progetto #tavola25 per avvicinare i giovani all’alta ristorazione

L’interesse del “grande pubblico” verso l’alta cucina e i grandi chef stellati è sempre più alto, anche grazie ai molti programmi di cucina, dove spesso proprio alcuni dei migliori chef del panorama internazionali sono coinvolti, come giudici o come ospiti. Se l’interesse si è, appunto, allargato, ciò che non si è adattato è sicuramente il portafogli di chi, per passione o per curiosità, vuole assaggiare i famosi piatti dei grandi cuochi, provando l’esperienza di mangiare in un vero ristorante di lusso. Spesso, tra l’altro, si tratta di ragazzi giovani, che chissà, potrebbero essere i grandi chef di domani: un’occasione da non perdere per la grande cucina italiana, rischio che grazie al progetto #Tavola25 non si correrà più. La Jeune Restaurateurs d’Europe, l’associazione di cui fanno parte i giovani ristoratori di tutta Europa fino ai 42 anni, insieme alla griffe enoica Marchesi Antinori ha infatti dedicato, nell’anno in cui l’associazione festeggia i 25 anni di storia, un’iniziativa che vuole spingere i ragazzi ad avvicinarsi all’alta cucina. In modo molto semplice: basta avere tra i 18 e i 25 anni, e prenotare un tavolo (fino a 4 posti), entro il 25 marzo, in uno dei tanti ristoranti aderenti a JRE in Italia. Così, si avrà diritto ad una cena di tre portate, cucinata direttamente da chef d’alto rango, ognuna abbinata ad un vino della maison Antinori. Il tutto, ovviamente, al prezzo di 25 euro. Per tenere a mente che i wine lovers e i foodies di oggi, sono i sommelier e gli chef di domani.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli