02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E STRATEGIE

Tenute del Cerro e Villa Russiz, oggi sinergia per la distribuzione dei vini, domani chissà

Accordo di 4 anni per Italia ed export tra il ramo agricolo di Unipol e la griffe friulana, ma (rumors) non escludono evoluzioni sulla proprietà
TENUTE DEL CERRO, VILLA RUSSIZ, Italia
Tenute del Cerro

Una partnership per il mercato, per ora, e domani chissà: Tenute del Cerro Spa, ramo agricolo e viticolo del Gruppo Unipol (cinque tenute di proprietà di cui quattro vinicole tra Toscana e Umbria per un totale di 5.000 ettari, di cui 300 coltivati a vigneto) e Villa Russiz, griffe del vino del Friuli Venezia Giulia (45 ettari di vigneti nel Collio), distribuiranno in sinergia i propri vini, tanto in Italia che all'estero, con focus in mercati in forte sviluppo come Cina, Russia, Canada, Asia e Nord Europa. Un accordo che, inizialmente, durerà 4 anni, e che lascia immaginare, secondo rumors, evoluzioni future anche a livello proprietario.
“Questa sinergia è sicuramente un valido completamento del nostro portafoglio vitivinicolo con un produttore di eccellenze del Collio come ad esempio il Sauvignon, il Pinot Grigio e i vini autoctoni friulani. Queste referenze bene si integrano con le nostre produzioni principalmente centrate su vini rossi importanti come il Nobile di Montepulciano, il Montefalco Sagrantino e il Brunello di Montalcino”, ha commentato Antonio Donato, dg Tenute del Cerro, protagonista nel vino con la Fattoria del Cerro, la più grande realtà privata della denominazione del Nobile di Montepulciano, con i suoi 600 ettari di tenuta di cui 180 vitati e 94 ettari iscritti all’albo del Nobile di Montepulciano, La Poderina (Brunello di Montalcino), Monterufoli (Vermentino), Còlpetrone (Sagrantino di Montefalco) e Tenuta di Montecorona (pluripremiata per il proprio olio Dop).
Una partnership tra due realtà con storie peculiari, Tenute del Cerro, nata nel 1978 come impresa dedicata agli investimenti in agricoltura, e poi divenuta una importante realtà nel settore vitivinicolo crescendo esponenzialmente, con 1,6 milioni di bottiglie esportante in oltre 20 Paesi del mondo, e Villa Russiz, storica cantina del Friuli, nata nel 1868 ad opera di Elvine Ritter de Zàhony ed il conte Theodor Karl Leopold Anton de la Tour Voivrè, esponente di un’antica e nobile famiglia francese di religione cattolica, che, per primo, introdusse nel Collio le varietà francesi.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli