02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LIFESTYLE

Tra i filari di Masi la vendemmia come esperienza catartica e riconnessione alla terra

Appassionati, investitori e membri del Masi Investor Club si infilano i guanti, sfoderano le forbici e riempiono le cassette della griffe dell'Amarone

La ritualità della vendemmia, in un mondo che lontano dai ritmi dall’agricoltura ma che ha una grande voglia di riconnettersi alla terra ed alle sue tradizioni, conquista anche, o forse soprattutto, chi i filari li vede di rado, perlopiù in foto o in vacanza. Anelando, chissà, a poterli vivere una volta tanto, invece che limitarsi ad osservarli o a passeggiarci. Lasciare da parte giacca, cravatta e laptop, infilarsi i guanti, sfoderare le forbici e iniziare a raccogliere i grappoli, ormai maturi, muovendosi al ritmo della terra, e nel suo pieno rispetto, è il sogno segreto di tanti. Ecco, è questa l’esperienza, catartica e allo stesso tempo profondamente pratica, che la griffe della Valpolicella e dell’Amarone Masi ha pensato di regalare ad appassionati, intenditori e ai membri del Masi Investor Club, per far vivere ai propri azionisti una dimensione anche esperienziale del proprio investimento. Professionisti della Borsa e piccoli investitori, il 19 settembre a Masi Tenuta Canova, a Lazise del Garda calzeranno le scarpe da lavoro e con guanti e forbici coglieranno i preziosi grappoli della maison, con l’attenta supervisione dei tecnici di Masi, e impareranno dal primo momento qual è il percorso che trasforma l’uva in vino e il vino in business.
Dopo un calice di benvenuto, tutti in vigna con il gruppo tecnico Masi a vendemmiare, per imparare a distinguere le varietà e selezionare i grappoli più adatti per l’appassimento, l’antica tecnica, per la quale Masi è conosciuta in tutto il mondo, da cui nasce l’Amarone. Riposte le forbici, sfilati gli stivali, è tempo di ritrovarsi a tavola, con una cena degustazione in cui vini iconici Masi come Moxxé, Campofiorin e Costasera saranno abbinati a un menù che avrà per protagonista il vino anche nel piatto. Il tutto preceduto dalla visita al Masi Wine Discovery Museum, ai fruttai e alle ampie cantine per l’affinamento, dove il vino riposa prima di finire sugli scaffali delle enoteche e nelle carte dei ristoranti.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli