02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Tra Milano e Parigi, sul Frecciarossa, si brinda con il Rosso di Montefalco Caprai

Il vino della cantina che ha rilanciato il territorio ed il Sagrantino, icona dell’Umbria enoica, protagonista sulla nuova tratta tra Italia e Francia
CAPRIA, FRECCIAROSSA, ITALIA, MILANO-PARIGI, ROSSO DI MONTEFALCO, vino, Italia
Sul Frecciarossa Milano-Parigi il Rosso di Montefalco Caprai

Tra la “Milano da Bere” e la “Ville Lumiere” si brinda con il Rosso di Montefalco di Arnaldo Caprai. Peculiare connubio che si realizzerà dal 18 dicembre, giorno in cui partirà il collegamento tra Milano e Parigi, con i treni Frecciarossa di Trenitalia. Una prima volta storica, con il treno italiano che varcherà le Alpi per raggiungere Lione e Parigi, esportando l’esperienza dell’Alta Velocità Trenitalia e Ferrovie dello Stato in Francia. E, nelle carrozze, dove si potranno degustare anche i piatti ideato dallo chef stellato Carlo Cracco, si potrà brindare con il Rosso di Montefalco Arnaldo Caprai, la cantina che ha rilanciato il territorio di Montefalco ed il Sagrantino (e cantina che ha, da pochi giorni, celebrato i suoi primi cinquanta anni).
“Con Trenitalia e Frecciarossa - spiega Marco Caprai, patron della cantina di Montefalco - la Caprai ha un rapporto proficuo da molti anni, e siamo orgogliosi di essere stati scelti per questa nuova importante tratta. Di fatto Trenitalia è il primo operatore europeo a entrare in Francia dall’apertura del mercato ferroviario alla concorrenza, e con questa nuova tratta offrirà ai passeggeri francesi, ma anche agli italiani che vorranno raggiungere, con il mezzo di trasporto più sostenibile, sicuro e confortevole, Chambery Lione e Parigi, una nuova esperienza di viaggio. Esperienza che noi cercheremo di rendere ancora più piacevole con il nostro Rosso di Montefalco Arnaldo Caprai, un vino che rappresenta, assieme al Sagrantino, il simbolo dell’Umbria”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli