02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RICERCA E AMBIENTE

Tutta l’acqua del vino nel progetto Acquavitis: le Università studiano le risorse idriche in vigna

Università di Trieste, di Udine, Ca’Foscari (Venezia) e tre università slovene al lavoro nel Carso, Collio e la Valle del Vipacco
ACQUA, ACQUAVITIS, RICERCA, vino, Italia
Progetto Acquavitis: le Università studiano le risorse idriche in vigna

Che acqua “beve” il vino, o meglio, la vigna? A dare una risposta a questa domanda sarà il progetto Acquavitis. Un pool di ricercatori ed esperti di sei università tra Italia e Slovenia sarà al lavoro per studiare l’acqua che passa dalla vigna di alcuni territori italiani, per lo sviluppo e la sperimentazione di tecnologie verdi e di soluzioni innovative per migliorare la gestione delle risorse idriche in aree viticole transfrontaliere tra Italia e Slovenia.
Il Carso, l’area isontina del Collio e la Valle del Vipacco in Slovenia. Sono questi i territori vitivinicoli interessati e sono stati selezionati per i diversi contesti geomorfologici e climatici.
Il progetto Acquavitis “Soluzioni innovative per l’uso efficiente dell’acqua in viticoltura transfrontaliera” è stato finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma Interreg Italia-Slovenia per 2 anni (2020-2021) con 878.000 euro e vede la partecipazione di 6 partner tra università ed istituti di ricerca italiani e sloveni: il Kmetijski inštitut Slovenije (coordinatore), l’Università di Trieste, l’Università di Udine, il Geodetski Inštitut Slovenije, il Zavod Nova Gorica e Ca’Foscari.
Le attività del progetto, Acquavitis, sono partite proprio dal versante sloveno, con l’installazione di pluviometri tra i filari, per raccogliere i campioni di precipitazioni da studiare. I risultati preliminari dello studio sono attesi tra circa un anno e supporteranno enti locali e aziende per una gestione efficiente della risorsa idrica in viticoltura.
Nei sei vigneti sperimentali coinvolti dal progetto, gli scienziati raccoglieranno l’acqua da diverse sorgenti da cui attingono le viti, come le precipitazioni meteoriche, acqua superficiale, acqua nel suolo a diverse profondità, acqua di infiltrazione in regioni carsiche e acqua d’irrigazione. Analizzeranno la composizione isotopica di questi campioni nei laboratori del Campus Scientifico di Ca’Foscari tramite spettroscopia laser Cavity Ring Down, per poi confrontarla con quella misurata nella linfa estratta da foglie e fusti dalle viti. I risultati permetteranno di risalire alla profondità delle radici e alle fonti d’acqua a cui le viti attingono. Sarà dunque possibile definire sia la quantità d’acqua che arriva alla vite in un determinato momento, sia la sua provenienza. In seguito, i risultati raccolti serviranno a elaborare modelli di circolazione idrica.

“Uno degli obiettivi della ricerca - spiega Barbara Stenni, professoressa di Geochimica e coordinatrice del team dell’Università Ca’ Foscari Venezia - è la valutazione dello stato idrico dei vigneti e la stima della quantità d’acqua accessibile alle viti. Analizzeremo la composizione isotopica dell’acqua estratta dalla linfa dalle viti e da altre matrici ambientali per valutare l’origine dell’acqua assorbita dalle piante e stimare la profondità a cui attingono le radici”.

“L’acqua subisce molteplici processi fisici durante tutte le fasi del ciclo idrologico - spiega Mauro Masiol, ricercatore di Geochimica e membro del team che si occuperà delle analisi – Questi processi portano al frazionamento isotopico delle molecole d’acqua. Di conseguenza, i rapporti degli isotopi stabili dell’ossigeno 18 O/ 16 O e dell’idrogeno 2 H/ 1 H dell’acqua sono utilizzati come traccianti per ricostruire l’origine e per identificare le aree di ricarica di bacini idrografici, fiumi, acquiferi e sorgenti”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli