02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BIOLOGICO

Uiv e FederBio insieme per la protezione dell’ambiente, attraverso il biologico

Le due organizzazioni annunciano una partnership, con l’obiettivo di puntare su certificazioni per il vino bio, e la conservazione della biodiversità
FEDERBIO, UIV, VINO BIOLOGICO, VINO ITALIANO, Italia
La valorizzazione della viticoltura biologica e biodinamica al centro dell’accordo tra Uiv e FederBio

Proteggere e migliorare l’ambiente, puntando sulla qualità e sull’autenticità del vino prodotto in Italia con metodo biologico e biodinamico, regolamentato e certificato, supportando l’internazionalizzazione delle imprese italiane del settore vitivinicolo, ma anche conservando e incrementando la biodiversità vegetale, attraverso l’ottimizzazione del made in Italy alimentare: sono le basi dell’accordo tra Uiv - Unione Italiana Vini, tra le più rappresentative del panorama vitivinicolo italiano, guidata da Ernesto Abbona, a capo della storica griffe piemontese Marchesi di Barolo, e FederBio, federazione nazionale che da oltre 27 anni tutela e valorizza l’agricoltura biologica e biodinamica in Italia. La necessità di un dialogo tra le due organizzazioni, arriva in relazione con i dati riguardanti l’andamento del vino biologico in Italia: negli ultimi otto anni, infatti, la viticoltura bio è più che raddoppiata, con un aumento pari al +107% dal 2011 al 2018, e, con un’incidenza pari al 15,8%, l’Italia è il primo Paese per quota di vigneto biologico sulla superficie vitata totale. Inoltre, secondo i dati Sinab, i vini e gli spumanti biologici hanno fatto registrare un incremento sia per quanto riguarda il fatturato, a +38,6% nel 2018, che come quota sul totale del comparto con un’incidenza dell’1,4%. Nei primi 8 mesi del 2019 le vendite di vino bio nella grande distribuzione hanno raggiunto 35,2 milioni di euro con una crescita esponenziale del 363% sul 2016, secondo i dati dell’Osservatorio Bio Nomisma. Così è nata la partnership tra Uiv - Unione Italiana Vini e FederBio, con l’obiettivo di proteggere e valorizzare un mercato, quello del biologico, ormai chiaramente da considerare il futuro delle produzioni agricole ed enoiche.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli