02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL MERCATO DELLA TERRA

Valori fondiari, i vigneti di Barolo sono i terreni più preziosi d’Italia, secondo il Crea

Quotazioni elevate anche a Montalcino, in Alto Adige, a Bolgheri e non solo. E prezzi altissimi per i meleti altoatesini, e per i fiori in Liguria

Di terreni agricoli di assoluto valore, in un’Italia capace di esprimere eccellenza ad ogni latitudine, ce ne sono molti. Dai meleti del Trentino Alto Adige, per esempio, che, a seconda delle diverse zone dalla Val d’Adige e della Val Venosta, o della Val di Non, spuntano quotazioni tra i 350.000 ed i 750.000 euro ad ettaro, a quelli dedicati alla floricoltura in Liguria, tra San Remo e la Piana di Albenga, per esempio, che toccano quotazioni che vanno da un minimo di 160.000 ad un massimo di 500.000 euro ad ettaro. Ma, in generale, i vigneti, ed in particolari quelli delle denominazioni più prestigiose, restano quelli più preziosi. E non a caso, la terra agricola italiana con le quotazioni massime più alte è quella dei vigneti del Barolo Docg, che spuntano prezzi in una forbice che parte da 200.000 euro, ma arriva a 1,5 milioni di euro. Dati medi, statistici, peraltro spesso più bassi da quelli che si concretizzano realmente in fase di compravendita, soprattutto nei “cru” vinicoli, ma che emergono dall’analisi annuale sul “Mercato fondiario e degli affitti in Italia nel 2021”, firmata dal Crea Politiche e Bioeconomia (il link fornito dallo stesso Crea rimanda attualmente ai dati aggiornati al 2020, ndr). Da cui, a livello generale, emerge che “dopo la brusca frenata del 2020 causata dalla pandemia, nel 2021 il prezzo della terra ha ripreso a crescere, in concomitanza con un notevole aumento dell’attività di compravendita (+30%), sebbene il valore reale del patrimonio fondiario continui a diminuire (-12% sul 2010) a causa di un tasso di inflazione nettamente superiore a quello riscontrabile negli ultimi anni (+1,9% nel 2021)”.
Secondo il Crea, nel 2021, il prezzo dei terreni agricoli ha registrato, sul 2020, un aumento del 1,1% a livello nazionale, trainato soprattutto dalla circoscrizione del Nord Ovest e del Nord Est e dalle zone di pianura, con un prezzo medio nazionale che sfiora i 21.000 euro ad ettaro, seppur con evidenti differenze tra il Nord Est (42.300 euro) e il Nord Ovest (29.100 euro) e il resto d’Italia (15.000 euro). Il credito per l’acquisto di immobili in agricoltura, secondo Banca d’Italia, dopo la drastica battuta di arresto del 2020 (-42%), ha recuperato solo parzialmente nel 2021 tale riduzione, mettendo a segno un incremento del 14%, malgrado la forte crescita dell’attività di compravendita. E, secondo il Censimento dell’Agricoltura 2020 (Istat), la superficie agricola in affitto è ulteriormente aumentata sul precedente Censimento (+27% sul 2010), con il 50% della Sau nazionale coltivato con contratti di affitto (5 milioni di ettari) e di comodato gratuito (1,2 milioni ettari).
Venendo al valore dei vigneti, invece, in una panorama ampio ma, come per tutti gli studi, parziale (mancano per esempio le rilevazioni sul quelli della Valpolicella, tra le grandi zone vinicole italiane, ndr), detto del primato di quelli del Barolo, sul podio dei valori, secondo i dati del Crea, seguono quelli Docg delle colline di Montalcino, terra del Brunello, compresi in una forchetta che va da 250.000 a 700.000 euro ad ettaro, e poi, sul terzo gradino del podio, con prezzi tra i 440.000 ed i 690.000 euro, quelli dell’Alto Adige Doc, nella zona del Lago di Caldaro, nella bassa Val Venosta e nella Valle Isarco. Tra i 350.000 ed i 450.000 euro, invece, quotano quelli Docg di Valdobbiadene, terra del Prosecco Docg, mentre quelli a Nord di Trento (segnatamente dedicati al Trentodoc, ma non solo), hanno prezzi tra i 220.000 ed i 400.000 euro, quota massima, secondo il Crea, raggiunta da quelli della Doc Bolgheri (una delle denominazioni più in forma del momento). A seguire, ci sono i vigneti di un’altra denominazione in rapida ascesa, soprattutto grazie alla sua versione del Prosecco, ovvero la Docg di Asolo, i cui vigneti di collina vanno tra 250.000 e 340.000 euro, davanti, per valore, ai vigneti Doc della Collina Bresciana, tra 120 e 200.000 euro, con una ideale “Top 10” chiusa dai vigneti del Chianti Classico sul versante fiorentino, tra 110 e 160.000 euro (mentre quelli del senese sono stimati tra 90.000 e 150.000 euro, ndr), e da quelli Doc di Chambave, in Val d’Aosta, che sono pochissimi, e hanno valori stimati tra 100.000 e 150.000 euro. Valori massimi di 150.000 euro li spuntano anche i vigneti di pianura nel basso Piave, mentre si arriva a 120.000 per quelli Doc della zona del Collio, ed a 100.000 per quelli nella zona centrale della provincia di Pordenone, in Friuli Venezia Giulia, così come per quelli Doc dei Castelli Romani.
Valori sostenuti, importanti, che testimoniano come la terra agricola, e da vigneto, in particolari, continui ad essere un asset fondiario e di investimento importante. Oltre che ad un bene primario per la produzione di materie prime agricole, tornate quanto mai al centro dell’attenzione, come è giusto che sia, nei tempi difficili che stiamo vivendo.

Focus - Le quotazioni dei terreni a vigneto in Italia secondo i dati del Crea sul 2021 (in migliaia di euro)
Vigneti nelle zone del Barolo Docg nella bassa Langa di Alba 200 - 1.500
Vigneti Docg nelle colline di Montalcino 250 - 700
Vigneti Doc nella zona del Lago di Caldaro 440 - 690
Vigneti Doc nella bassa Val Venosta 440 - 690
Vigneti Doc nella Valle Isarco di Bressanone 440 - 690
Vigneti Docg di Valdobbiadene 350 - 450
Vigneti a nord di Trento 220 - 400
Vigneti Doc Bolgheri 200 - 400
Vigneto Docg colline di Asolo e pedemontana 250 - 340
Vigneti Doc nella collina bresciana 120 - 200
Vigneti Docg Chianti Classico (Firenza)110 - 160
Vigneti Doc a Chambave 100 - 150
Vigneti di pianura del basso Piave 60 - 150
Vigneti Docg Chianti Classico (Siena) 90 - 150
Vigneti Doc nella zona del Collio - 45 - 120
Vigneti nella zona centrale della provincia di Pordenone 50 - 100
Vigneti Doc nei Castelli Romani 80 - 100
Vigneti Doc superiore della Valtellina 45 - 95
Vigneti di collina nella zona occidentale della provincia di Vicenza - 50 - 90
Vigneti Doc nei Colli Euganei 50 - 90
Vigneti Doc nei Colli orientali 40 - 90
Vigneti Doc nelle colline litoranee di Albenga 70 - 85
Vigneti Doc a Gattinara 40 - 80
Vigneti Doc Moscato nella zona di Canelli 60 - 80
Vigneti Doc nell’alta valle del Nervia 45 - 80
Vigneti da vino Doc e IGT nelle pendici dell’Etna 38 - 77
Vigneti Doc nei colli Albani 60 - 75
Vigneti Doc di pregio nell’astigiano (escluso Moscato) 40 - 70
Vigneti Doc nelle colline di Parma 55 - 70
Vigneti Doc nelle colline dell’Enza 50 - 70
Vigneti Doc nella zona del Piglio 50 - 70
Vigneti Doc Cinque Terre 35 - 60
Vigneti Doc nelle colline litoranee di Chieti 25 - 60
Vigneti Doc nelle colline litoranee di Ortona 25 - 60
Vigneti Doc nelle colline litoranee di Roseto degli Abruzzi 25 - 60
Vigneti Doc nelle colline di Avellino 30 - 60
Vigneti Doc nelle colline dell’Irpinia centrale 25 - 60
Vigneti nella Capitanata meridionale 31 - 56
Vigneti Doc nelle colline del medio Pescara 25 - 55
Altri vigneti Doc (Asti) 18 - 50
Vigneti nella bassa collina del Sillaro 35 - 50
Vigneti Docg a Carmignano 40 - 50
Vigneti Doc nelle colline del Calore 30 - 50
Vigneti da tavola irrigui nella pianura di Monopoli 30 - 50
Vigneti Doc nelle colline di Montefalco 40 - 48
Vigneti Doc del Falerio 24 - 48
Vigneti Doc nella media collina di Ancona 30 - 48
Vigneti da tavola a Naro-Canicattì 28 - 48
Vigneti da tavola (a tendone) nella provincia di Caltanissetta - 27 - 47
Vigneti Doc di Matelica 25 - 45
Vigneti Doc nelle colline del Taburno 35 - 45
Vigneti Doc nella collina piacentina 32 - 42
Vigneti Doc nella Valdinievole 30 - 40
Vigneti da tavola nella pianura di Taranto 25 - 40
Vigneti Doc nella collina del Vulture 22 - 40
Vigneti irrigui a Marsala 22 - 37
Vigneti Doc nella collina tipica di Orvieto 25 - 36
Vigneti Doc nell’Oltrepò pavese 25 - 35
Vigneti da vino nella zona di Manduria 22 - 35
Vigneti Doc nella fascia costiera di Campobasso 28 - 33
Vigneti da vino asciutti di piccole dimensioni a Monreale-Partinico 20 - 33
Vigneti Doc nella zona del Parteolla 25 - 33
Vigneti Doc Orvieto 16 - 30
Vigneti Doc nei monti Ernici 15 - 30
Vigneti Doc nelle colline di Perugia 22 - 28
Vigneti da vino a tendone a Francavilla Fontana 18 - 28
Vigneti nella pianura di Copertino 17 - 27
Vigneti Doc nella zona del Vermentino di Gallura 20 - 27
Vigneti nelle colline litoranee di Gaeta 22 - 26
Vigneti nella collina litoranea sud-orientale di Cosenza 15 - 26
Vigneti Doc nella zona di Montefiascone 18 - 25
Vigneti Doc nella zona del Cannonau dell’Ogliastra 11 - 15

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli