02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA NORMATIVA

Vietato sciare in stato di ebbrezza: dal 2022 sulle piste arrivano sanzioni e controlli

La novità spiegata dallo Studio Giuri: con tasso alcolemico sopra 0,5 grammi litro (come su strada) multe fino a 1.000 e ritiro dello sky-pass
alcol, SCI, STATO DI EBBREZZA, STUDIO GIURI, Italia
Vietato sciare in stato di ebbrezza: dal 2022 sulle piste arrivano sanzioni e controlli

Gli sci considerati alla stregua delle automobili, lo “sky-pass” come la patente, e di conseguenza per chi scia in stato di ebbrezza, arrivano multe e sanzioni. Il tutto a partire dal 1 gennaio 2022, quando entrerà in vigore il “Decreto Legislativo n. 40 del 28 febbraio 2021 - “Attuazione dell’articolo 9 della legge 8 agosto 2019, n. 86, recante misure in materia di sicurezza nelle discipline sportive invernali”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 68 del 19 marzo 2021. Un decreto che, all’articolo 31, sottolinea lo Studio Giuri di Firenze, tra i punti di riferimento italiani per tutto quello che è la normativa che ruota intorno al mondo del vino e del beverage, guidato dall’Avvocato Marco Giuri, prevede: “è vietato sciare in stato di ebbrezza in conseguenza di uso di bevande alcoliche e di sostanze tossicologiche”. Ed ancora, che “gli organi accertatori, nel rispetto della riservatezza personale e senza pregiudizio per l’integrità fisica, possono sottoporre gli sciatori ad accertamenti qualitativi non invasivi o a prove, anche attraverso apparecchi portatili”.
Per stabilire l’esito dell’accertamento, spiega lo Studio Giuri, fa fede quanto previsto dal codice della strada. “Se risulterà un valore del tasso alcolemico superiore a 0,5 grammi per litro di sangue, lo sciatore sarà considerato in stato di ebbrezza ai fini dell’applicazione delle sanzioni”. Che possono andare da 250 a 1.000 euro, e in caso di violazioni di particolare gravità o reiterate, si può arrivare al ritiro dello sky-pass giornaliero, o alla sospensione fino a tre giorni, o addirittura al ritiro definitivo in caso di ulteriore reiterazione delle violazioni. A fare i controlli ed elevare le sanzioni saranno la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di Finanza ed i corpi di Polizia Locale.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli