02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GESTIONE DEL TERRITORIO

Vigneti, i Consorzi della Toscana attesi alla prova dei piani triennali richiesti dalla Regione

Attesi entro fine anno, ad oggi risultano approvati quelli di Bolgheri e Morellino di Scansano. La misura punta a mantenere l’equilibrio di mercato

La Toscana, tra le Regioni del vino italiano più importanti per prestigio e valori (con un valore “ex fabrica” che tra vini Dop e Igp sfiora 1 miliardo di euro, dati Ismea) guarda al futuro del suo vigneto. La Regione, apprende WineNews, è al lavoro sui piani triennali che i diversi Consorzi di Tutela sono stati chiamati a presentare entro fine anno. Ad oggi risultano approvati quelli di Bolgheri e del Morellino di Scansano, mentre si attendono notizie su quelli di altre denominazioni fondamentali per il granducato enoico, dal Brunello di Montalcino al Chianti Classico, dal Nobile di Montepulciano al Chianti. Uno strumento, quello dei piani triennali, che mira a mantenere l’equilibrio sui mercati e la sostenibilità di una filiera strategica a livello economico, paesaggistico e promozionale, e che coinvolge i 60.000 ettari di vigneto regionali, il 92% dei quali è destinato alla produzione di vino a Denominazione d’Origine.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli