02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & MUSICA

Vini di qualità e musica d’autore in un grande evento per il territorio: “Jazz & Wine in Montalcino”

Tra i Festival più importanti e longevi (e che ci saranno) firmato Banfi, al via il 30 luglio con Nick The Nightfly, aspettando Bosso e Servillo

Se c’è un simbolo della vivacità culturale - e identitaria - italiana, quello sono i Festival: ogni territorio ne ha uno, e in molti non vi hanno rinunciato, rivoluzionandoli con la stessa creatività e lo stesso entusiasmo secondo nuove regole e distanze. Un segno di speranza, e voglia di ripartire, accanto a quella di promuoversi e raccontarsi al mondo in modo speciale. E tra vini di qualità e musica d’autore, dal 30 luglio al 2 agosto torna un grande evento, ora più che mai, per il territorio, tra i più longevi e importanti del panorama musicale italiano ed internazionale: “Jazz & Wine in Montalcino”, firmato Banfi, la cantina che ha lanciato il Brunello e il suo territorio in Italia e nel mondo, la famiglia Rubei dell’Alexanderplatz di Roma, storico ed inimitabile jazz club di Roma, e il Comune di Montalcino. Un Festival, che trasforma il territorio del Brunello in “capitale” del grande jazz, facendo salire i più noti jazzisti, italiani e non solo, nel palco, monumentale, ed eccezionalmente itinerante e diffuso, dei suoi luoghi più belli e ricchi di storia, sullo sfondo della scenografia naturale di un paesaggio vitato patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.
Dalla storica voce di Radio Monte Carlo, Nick The Nightfly, protagonista dell’evento di apertura nella cornice di Castello Banfi (30 luglio), alla tromba di Fabrizio Bosso e il pianoforte di Julian Oliver Mazzariello, sempre nel trecentesco Castello (31 luglio), dal trio italo-argentino Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, nell’incredibile scenario dell’antica Abbazia di Sant’Antimo immersa tra i vigneti di Brunello (1 agosto), alla voce brasiliana di Rosalia de Souza, nel gran finale nella suggestiva Piazza del Popolo di Montalcino (2 agosto), sono i big e le location dell’edizione n. 23.
Nick The Nightfly presenta a “Jazz & Wine” il progetto “Be yourself”, che lo vede protagonista di uno spettacolo di grande atmosfera, ricco di stili musicali diversi. Dal Brasile all’America fino all’Europa il suo è un viaggio denso di sonorità internazionali. Dj, cantante, musicista, Nick (voce) si esibisce con il suo quintetto formato da Jerry Popolo (sax tenore) Claudio Colasazza (piano) Francesco Puglisi (contrabbasso) Amedeo Ariano (batteria). Con il Festival, punto di riferimento per eno-appassionati ed amanti della musica d’autore, diretto da Paolo Rubei, che proseguirà con alcuni tra i più apprezzati interpreti della musica italiana ed internazionale e lo farà, eccezionalmente nello storico e tradizionale scenario che lo ha visto nascere oltre 20 anni fa dell’antica Fortezza di Montalcino, ma con un progetto itinerante, che tocca alcuni dei luoghi più suggestivi del territorio del Brunello.Nell’antico Castello Banfi, Bosso e Mazzariello si esibiranno in “Tandem”, un incontro perfetto tra due musicisti che trascende le regole delle classiche collaborazioni. In 17 anni il loro rapporto di fraterna amicizia e l’approccio con la musica, totalmente libero dagli schemi, accrescono il loro sodalizio, fino a farli diventare una sola voce. Sarà invece lo scenario unico al mondo dell’Abbazia di Sant’Antimo, lo sfondo per il trio di Servillo e “Parientes”, un viaggio nei ricordi, nelle persone, nell’immaginario di un popolo migrante che ha dato vita ad un’altra cultura e, nel contempo, ha preservato la propria portandovi nuova linfa. Uno spettacolo trascinante, fatto di intense musiche, di storie e di esperienze di vita, per una notte da non perdere, impreziosita da un palcoscenico allestito in un luogo unico ed irripetibile. Gran finale all’insegna della voce nella Piazza del Popolo di Montalcino con le sonorità latine di Rosalia de Souza e del suo quintetto. Voce internazionale, la cantante brasiliana presenterà “Il Brasile che mi piace”, uno spettacolo in cui propone i brani che l’hanno resa apprezzatissima interprete nei suoi tre lustri di carriera.
Spaziando su diversi linguaggi musicali, segno di un’attenzione particolare verso le differenti interpretazioni del jazz, tra gli eleganti e profondi sentori di un calice di Brunello, ma anche degli altri vini del territorio, dal Rosso al Moscadello, “Jazz & Wine in Montalcino” è oggi il più importante evento del genere in Italia.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli