02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
L’INIZIATIVA

Vino, cucina e solidarietà: ecco il “Pranzo a Mille”, delivery, del Banco Alimentare del Piemonte

Di scena l’11 aprile, con la regia di Clara e Gigi Padovani, con tanti chef stellati e produttori come Fontanafredda, Marchesi di Barolo e non solo

Per tutta la pandemia, nonostante le grandi difficoltà che hanno vissuto e stanno vivendo, ristorazione e vino non hanno mai smesso di essere solidali. E non lo fanno neanche ora, in questa lunghissima coda di un evento drammatico ed epocale che ancora attanaglia l’Europa e l’Italia. E tra le tante iniziative che via via vi abbiamo raccontato, spicca, quella che sarà di scena a Torino, l’11 aprile. Ovvero il “Pranzo a Mille”, versione in delivery, come impongono i tempi, della tradizionale cena stellata (Cena a Mille), che il Banco Alimentare del Piemonte, con l’aiuto di chef, donazioni di aziende generose e tanti volontari ha organizzato a Torino in cinque precedenti edizioni. Merito anche della speciale partecipazione di chi il mondo del food lo conosce bene, come gli scrittori ed enogastronomi Clara e Gigi Padovani e altri amici del Banco Alimentare del Piemonte, che hanno messo a disposizione tutta la loro esperienza, coinvolgendo non solo alcuni degli chef che avevano partecipato alle precedenti edizioni, ma anche molti volti nuovi, che hanno accettato con grandissimo entusiasmo. Saranno coinvolti 28 ristoranti, oltre 30 chef, di cui ben 10 stellati, 250 volontari, molti dei quali in versione rider per le consegne, 250 box (contenenti ognuno 4 pasti completi, costituiti da 3 portate), da donare ad altrettante famiglie in difficoltà. Per un totale di 1000 pasti. E ancora: 14 aziende di produzione del cioccolato (con nomi come Gobino, Domori e Baratti & Milano, tra gli altri), tra cui 8 Maestri del Gusto, 1 panificatore Maestro del gusto, i sommelier dell’Ais, il Consorzio delle Doc Freisa di Chieri e Collina Torinese e 5 cantine vinicole dal Piemonte (con nomi come Fontanafredda e Marchesi di Barolo, e ancora Marrone, Garesio e Ricossa, oltre al Consorzio di tutela e valorizzazione delle Doc Freisa di Chieri e Collina Torinese e all’Associazione Italiana Sommelier - Ais Torino) e dal Friuli Venezia Giulia (Dorigo) offriranno i loro prodotti per rendere più lieta la giornata di festa.
“È un evento di beneficenza molto, la più grande delivery solidale mai realizzata in Italia. Mille persone indigenti saranno servite in contemporanea dai volontari del Banco Alimentare del Piemonte, grazie ai fornelli accesi per l’occasione da 30 chef torinesi. Saranno consegnate a 250 famiglie un box con i pasti di tre portate per 4 persone e una borsa regalo contenente una bottiglia di vino, ovetti pasquali di cioccolato e gianduiotti dei Maestri del Gusto, un pacchetto di caffè Lavazza, un libro, una piantina di fiori e una tovaglia per il loro pranzo domenicale. Un segno di attenzione per chi è in difficoltà e un modo di far lavorare i ristoranti, visto che il costo degli ingredienti sarà rimborsato loro grazie a diverse donazioni ricevute dal Banco Alimentare”, spiegano, a WineNews, Clara e Gigi Padovani.
“Aderire a questa iniziativa è un motivo di orgoglio per una città che ha sempre saputo accogliere, continua ad accogliere ed aiutare, ce la faremo”, commenta Matteo Baronetto, chef del Ristorante del Cambio di Torino, il ristorante che fu tappa fissa di Camillo Benso, conte di Cavour, stellato Michelin come altri aderenti all’evento (come il Cannavacciuolo Bistrot, il Carignano del Grand Hotel Sitea, il Casa Vicina Green Pea, il Condividere della Nuvola Lavazza, il Piano 35, lo Spazio 7 della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il Dolce Stil Novo alla Reggia, a Venaria Reale, ed il Gardenia, a Caluso, ndr).
Dal mondo del vino importante e sentita la partecipazione: “fare vino significa rispetto per la terra - sottolinea Andrea Farinetti, alla guida di Fontanafredda - noi ormai abbiamo 120 ettari di agricoltura biologica. Ma fare vino deve diventare sempre di più anche rispetto per le persone, e questa iniziativa era perfetta per iniziare questo percorso. È arrivata questa pandemia che ha colpito tutti, e ci siamo trovati in questa situazione paradossale. A volerla vedere in positivo, è stato un anno “curioso”, che ci ha fatto riscoprire tante cose che avevamo dimenticato, ci ha fatto ragionare su valori fondamentali come quello di comunità, senza quale non c’è la fiducia negli altri. E noi con il vino rinasciamo, auspichiamo questo rinascimento verde che si baserà su comunità, fiducia negli altri, con il rimettere la terra al centro della testa dell’uomo, anche attraverso il vino, che racconta il senso di unione”.
“È importante che ognuno di noi faccia la propria parte - aggiunge Valentina Abbona  della storica Marchesi di Barolo - poi la nostra azienda è stata fondata da una grande donna, la Marchesa di Barolo (la filantropa Juliette Colbert di Maulévrier, ndr) che ha fatto tanto per la comunità dell’epoca, e la città di Torino è memore dei suoi insegnamenti e delle sue opere benefiche. Per cui è normale che anche la nostra famiglia, anche se non ha legami di sangue con la Marchesa, abbia ereditato il suo insegnamento e continui in questo solco. È una iniziativa in cui abbiamo creduto subito, ci dà la possibilità di entrare nelle case di tante persone per rallegrare un momento che dobbiamo condividere tutti insieme”.
“Il mio messaggio arriva dalla vigna, che dopo i i freddi mesi di inverno torna alla vita - racconta Maria Zopegni, presidente del Consorzio della Freisa di Chieri - aderire a questa iniziativa è un onore condiviso da tutti i produttori della Freisa di Chieri perchè solo tutti insieme si supera questo momento”. Una bella iniziativa, una grande festa a distanza, per ricordare ancora una volta che la solidarietà, anche nel segno della cucina e del buon vino, non si ferma.

Focus - I ristoranti aderenti al “Pranzo a Mille” 2021
Antonio Chiodi Latini - chef Antonio Chiodi Latini
Bricks - chef Liviu Ceoflec
Cannavacciuolo Bistrot - chef Tonino Cannavacciuolo, resident Nicola Somma - 1 stella Michelin
Carlina - chef Alexander Robles
Carignano (Grand Hotel Sitea) - chef Fabrizio Tesse - 1 stella Michelin
Casa Vicina (Green Pea) - chef Claudio Vicina - 1 stella Michelin
Antica Trattoria “Con Calma” - chef Luca Di Miceli
Condividere (Nuvola Lavazza) - chef Federico Zanasi - 1 stella Michelin
Cornoler - chef Simone Bianco
Del Cambio - chef Matteo Baronetto - 1 stella Michelin
Eataly Lingotto - chef Patrik Lisa
Eragoffi - chef Lorenzo Careggio
Gufo Bianco - chef Andrea Pio
La Limonaia - chef Cesare Grandi
Monferrato - chef Fabrizio Canavero
Piano 35 - chef Marco Sacco, resident Christian Balzo - 1 stella Michelin
Piazza dei Mestieri - chef Maurizio Camilli
San Giors - chef Paolo Ribotto
Spazio7 (Fondazione Sandretto Re Rebaudengo) - chef Alessandro Mecca - 1 stella Michelin
Spazio Mouv’ - chef Mauro Virdis
Tre Galline - chef Luigi Rosato
Vitel Etonné - chef Massimiliano Brunetto
Zheng Yang - chef Silvia Ling
Casa Format - Chef Giovanni Grasso e Igor Macchia - 1 stella Verde Michelin - Orbassano
Dolce Stil Novo alla Reggia - chef Alfredo Russo - 1 stella Michelin - Venaria Reale
Gardenia - chef Mariangela Susigan - 1 stella Michelin - Caluso
La Cadrega - chef Giorgio Picco - Moncalieri
La Piola di via Piol - chef Mimmo Girioli - Rivoli

Per il caffè
Lavazza Group

Per ovetti di cioccolato e gianduiotti
Davide Appendino - Maestro del Gusto
Baratti & Milano - Bra
Boella & Sorrisi - Maestro del Gusto
Bottega Storica Odilla Bastoni - Maestro del Gusto
Calcagno 1946 - Collegno
Guido Castagna - Maestro del Gusto
Domori - None
Guido Gobino - Maestro del Gusto
La Perla - Maestro del Gusto
Peyrano - Torino
Pfatisch - Torino
Piazza dei Mestieri - Torino
Piemônt Cioccolato - Maestro del Gusto
Prodotti Gianduja - Maestro del Gusto

Per i grissini
AgriBiscotto - Maestro del Gusto panificatore Rudy Marangon - Pianezza

Per il vino
Associazione Italiana Sommelier - Delegazione di Torino
Consorzio di Tutela e Valorizzazione delle Doc Freisa di Chieri e Collina Torinese
Azienda Agricola Marrone - Serralunga d’Alba
Alessio Dorigo - Premariacco
Fontanafredda - Serralunga d’Alba
Garesio Vini - Serralunga d’Alba
Marchesi di Barolo - Barolo
Ricossa - Castel Boglione

Per i libri
Add Editore S.r.l - Torino
Casa Editrice Scritturapura - Asti
Daniela Piazza Editore - Torino
Spunto Edizioni - Torino

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli