02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PREMI & EVENTI

“VinoXRoma” premia la sostenibilità, con Caprai e Fontanafredda, Braida e Pierpaolo Sirch

Al via la kermesse all’Eur, dal 13 al 17 luglio Con il Ministro della Pubblica Amministrazione (e produttore) Renato Brunetta, e l’ex premier Conte
BRAIDA, BRUNETTA, CAPRAI, CONTE, Farinetti, FONTANAFREDDA, PIERPAOLO SIRCH, vino, VINOXROMA, Italia
“VinoXRoma” premia la sostenibilità, con Caprai e Fontanafredda, Braida e Pierpaolo Sirch

Grandi chef e grandi vini sotto il vessillo della sostenibilità e per una ripartenza dopo la pandemia che tragga spunto dal territorio: è “VinoXRoma”, evento organizzato da Excellence, in collaborazione con Eur Spa, da oggi a sabato 17 luglio, nel Giardino delle Cascate al Laghetto dell’Eur. “VinoXRoma. Che nasce dalla volontà di promuovere la viticoltura sostenibile, tema a noi molto caro, che abbiamo pensato di sottolineare “creando” un evento a impatto zero”, spiega l’ideatore Pietro Ciccotti, fondatore di Excellence, con il fratello Claudio. “E riteniamo - aggiunge Ciccotti - che si debba dare il giusto spazio ai talenti che ogni giorno contribuiscono a rendere grande il Made in Italy agroalimentare nel mondo.
Subito spazio, quindi, nella prima giornata - in cui sono intervenuti, tra l’altro, il Ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, che è anche un appassionato vignaiolo e produttore con la cantina Capizucchi, alle porte di Roma, e l’ex premier Giuseppe Conte - alle premiazioni di sei personalità in ambito eno-gastronomico che si sono messe in luce anche per aver abbracciato la causa della sostenibilità sociale e ambientale.
Il premio “Sostenibilità Sociale” è stato conferito al produttore umbro Marco Caprai per il suo impegno nell’inserimento degli immigrati nel mondo del lavoro: “l’azienda Arnaldo Caprai - si legge nella motivazione del premio - guidata da Marco Caprai, grande protagonista del rilancio del Sagrantino e della viticoltura umbra, nel 2016 ha cominciato una collaborazione con la Caritas di Foligno e associazioni di volontariato locale per un progetto di inserimento dei migranti nel mondo del lavoro. Negli ultimi tre anni sono state impiegate 30 persone provenienti dal continente africano nelle attività di cura del vigneto”. Il premio “Sostenibilità Ambientale” è stato assegnato alla storica azienda del Barolo Fontanafredda, quartier generale della galassia enoica della famiglia Farinetti, che “negli anni ha avviato un vero e proprio Rinascimento Verde. 120 gli ettari coltivati in regime biologico. Riutilizzo delle acque, comprese quelle piovane, bottiglie composte per l’80% da vetro riciclato, trattori a biometano che verranno utilizzati dalla vendemmia 2021”. Il premio “Artigiana del Vino 2021”, invece, è per Raffaella Bologna delle celebre cantina piemontese Braida, che “insieme al fratello Giuseppe, porta avanti il sogno del papà Giacomo che, a Rocchetta Tanaro, ha costruito una nuova storia per la Barbera d’Asti ed il territorio astigiano. Raffaella Bologna ci mette l’impegno e la passione che da sempre contraddistinguono l’agire della sua famiglia. Un’artigiana del vino che dell’amore per la terra ha fatto la sua missione portando avanti in azienda importanti progetti di sostenibilità e prendendosi cura di quei vigneti che ci regalano ad ogni annata una Barbera di serie A capace di competere con i grandi vini di tutto il mondo”. Assegnato anche il premio “miglior Agronomo” a Pierpaolo Sirch, ideatore e fondatore, insieme a Marco Simonit, della Scuola Italiana di Potatura Vite: “è l’uomo che cura il vigneto - si legge nella motivazione - il metodo di potatura Sirch&Simonit è ormai conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo perché tra l’altro previene in modo naturale le malattie del legno e allunga il ciclo vitale della vite”. La sostenibilità è importante anche nell’alta cucina e, dunque, il premio “Cucina Sostenibile” è andato allo chef laziale Salvatore Tassa dello stellato “Colline Ciociare”, perchè “affronta la cucina in modo rivoluzionario e avanguardista da trentacinque anni, senza pause dal 1987 quando aprì un ristorante d’alta cucina in un borgo di duemila anime tra le cime innevate dell’Appennino ciociaro. Rivoluzione e avanguardia significano cambiare sempre pur restando rigorosamente coerenti col proprio ideale, quello di Tassa è la ricerca essenziale del sapore, la inesausta sperimentazione sulle cotture, la stagionalità, la scelta di materie prime prodotte nel rispetto dell’ambiente, il puntare su prodotti derivanti da allevamenti rispettosi dell’animale e la lotta allo spreco. Il tutto come vessillo di sostenibilità”. Infine, il premio “migliore carta dei vini qualità/prezzo e territorialità del Lazio”, è andato al ristorante “Antico Arco” a Roma, dove si distinguono il talentuoso chef albanese Fundim Gjepali e il sommelier Alessandro Carati che si occupa delle 1.200 etichette del locale: “nella ristorazione si legge nella motivazione - il vino assume sempre più un ruolo importante. Nel perfetto abbinamento tra un piatto e un calice si compie la meraviglia. Una carta dei vini rappresenta quindi un elemento fondamentale per un ristorante per questo motivo abbiamo deciso di premiare la migliore carta dei vini della Regione Lazio selezionata secondo questi criteri: ampia rappresentazione territoriale e corretto rapporto qualita/prezzo”.
Ma al di là dei premi, “VinoXRoma” offrirà al pubblico diverse aree tematiche, con un format pensato per soddisfare il gusto ma anche la voglia di riflessione con la “Green Arena” che, nei prossimi giorni, ospiterà talk e incontri con personaggi di spicco, come Oscar Farinetti ed Edoardo Bennato, o il giornalista Pierluigi Pardo, per sottolineare il valore culturale del vino e della cucina italiana. Secondo Antonio Rosati, ad Eur spa, società proprietaria del Giardino delle Cascate, “il vino italiano di qualità e il talento culinario saranno un importantissimo volano della ripresa economica post-pandemica, che, nel quadro dell’economia della bellezza che stiamo sostenendo all’Eur, può diventare un significativo fattore di crescita per il turismo e l’accoglienza della città. È per noi la prima edizione, a cui crediamo moltissimo. In particolare come attenzione verso i giovani per diffondere la cultura del bere responsabile e divertente”.
Gli enoappassionati/visitatori avranno a disposizione un percorso che si snoderà dal market, dove le aziende proporranno ai visitatori i loro prodotti, al Bibenda Tasting Area, spazio che vedrà la Fis - Fondazione Italiana Sommelier di Franco Ricci raccontare i vini, le cantine e i territori della penisola. Non mancheranno i cooking show, con un parterre di grandi chef tra cui Ciro Scamardella e Fabio Sangiovanni, dei ristoranti Pipero ed Aroma, entrambi con una stella Michelin. E, come trend del momento richiedo, spazio alla mixology con il vino protagonista, con il cocktail bar temporaneo WineXAbility, concepito da Massimo D’Addezio, in collaborazione con Drinkable.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli