02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DAL 19 AL 21 GENNAIO

Winter Fancy Food a San Francisco, Italia “country partner”, con la regia dell’Ice

Per il Belpaese, nei primi 9 mesi 2019, export agroalimentare negli States a +5,9%, per 4 miliardi di dollari
CIBO, ICE, USA, vino, WINTER FANCY FOOD, Non Solo Vino
Winter Fancy Food a San Francisco, Italia “country partner”, con la regia dell’Ice

Mentre è tutto da misurare l’effetto dei dazi introdotti ad ottobre su formaggi, liquori ed altri prodotti del made in Italy, e mentre l’Italia, vinicola e non solo, guarda con preoccupazione a metà febbraio, quando potrebbe arrivarne una seconda e massiccia ondata, dagli Usa arrivano buone notizie: nei primi nove mesi 2019, secondo i dati diffusi dall’Us Department of Commerce e riportati dall’Ice, l’export agroalimentare italiano verso gli Stati Uniti ha registrato un importo di quasi 4 miliardi di dollari, con un incremento del 5,9% sullo stesso periodo 2018. L’Italia rimane leader su molte categorie agroalimentari, tra cui formaggi, olio d’oliva, pasta, acque minerali, aceto, e gli Usa si confermano come il primo mercato di destinazione extra-europeo del settore. Forte di questa leadership, il Belpaese si prepara al Winter Fancy Food, una delle più importanti fieri dedicate alla tavola negli States, di scena dal 19 al 21 gennaio. Con l’Italia che, da “country partner”, sarà presente in massa, sotto la regia dell’Ice. Che sottolinea l’importanza della scelta del Belpaese, anche per il Summer Fancy Food, da parte della Specialty Food Association. “Questo elemento conferirà una notevole visibilità al Padiglione Italiano e particolare attenzione dei visitatori trade presenti. Si tratta di un riconoscimento di carattere eccezionale, normalmente conferito solo per l’edizione Summer della manifestazione. Inoltre, è la prima volta che un Paese viene rinominato: l’Italia è già stato il primo Country Partner Fancy Food, nel 2015”.
Una partecipazione, quella al Winter Fancy Food, che Ice realizza in in collaborazione con Federalimentare, Cibus, Tuttofood e Vinitaly, proseguendo la partnership con Specialty Food Association e Universal Marketing. Oltre 60 aziende nello spazio istituzionale, che presenteranno l’intera gamma del made in Italy agroalimentare sotto l’ombrello del segno distintivo “The Extraordinary Italian Taste”, che contraddistingue le attivita’ di promozione dei prodotti autentici italiani nel mondo. Ad esse si aggiungeranno altre 25 aziende italiane presenti alla fiera con stand individuali. In tutto quindi il nostro Paese conta circa 90 partecipanti.
Il programma di supporto agli espositori che l’agenzia Ice ha impostato insieme a Federalimentare, Fieramilano, Fiere di Parma e Veronafiere, prevede, tra le altre cose, incoming di operatori di ristorazione e gdo, show cooking, il wine bar a cura di Vinitaly, e focus di business, comunicazione ed esposizione dei prodotti italiani colpiti da dazi, in collaborazione con Assica, Assolatte e Federvini.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli