02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

2020, inizio di una nuova decade da festeggiare con i vini 2010: al top il Barolo di Beppe Rinaldi

La classifica dei “Must Buy” del portale Wine Lister, dedicata ai vini del mondo di dieci anni fa, con tanta Italia
2010, 2020, BAROLO, BEPPE RINALDI, vino, Mondo
2020, una nuova decade da festeggiare con i vini 2010: al top il Barolo di Beppe Rinaldi

Se l’annata, per il vino di qualità, è un criterio fondamentale, il cambio di decennio, per molti, è occasione per fare bilanci e buoni proposito. Compreso, magari, quello di celebrare la decade appena finita stampando, o mettendo in cantina, un vino nato proprio 10 anni fa. E seguendo questo criterio, il portale specializzato in fine wine Wine-Lister, ha stilato una lista dei “Must Buy”, i vini del mondo che vale davvero la pena di portare in cantina per qualità, potenziale di invecchiamento ma anche di rivalutazione economica, tutti, ovviamente, annata 2010. E, al vertice assoluto, unico vino con punteggio di 100 su 100, c’è l’Italia, con uno dei suoi vini più celebri, il Barolo, firmato da uno dei sui interpreti più grandi, ovvero il compianto Beppe Rinaldi, con il Barolo Brunate 2010. Ma tanti sono gli italiani nelle prime posizioni, dal Collezione de Marchi Cabernet Sauvignon di Isole e Olena, al Chianti Classico Vigna del Sorbo Riserva di Fontodi, al Masseto, per stare tra i vini da 98 punti. E, ancora, scorrendo la lista, dove ovviamente non mancano i grandi nomi di Francia, ma anche di California, per esempio, c’è il Paleo Rosso de Le Macchiole, che “bissa” anche con lo Scrio, e ancora il Terra di Lavoro di Galardi, il Barolo Ciabot Mentin di Domenico Clerico, l’Oreno della Tenuta Setteponti, Montevetrano, il Solengo di Argiano, il Barolo Sperss di Gaja, il Chianti Classico il Poggio Riserva Castello di Monsanto, il Brunello di Montalcino della Tenuta Greppo di Biondi Santi, e ancora il Barolo Margheria di Azelia, il Sassicaia della Tenuta San Guido, il Langhe Darmagi di Gaja, il Barbaresco Curra di Sottimano, il Barolo Arborina di Elio Altare e ancora Gaja, con suo Brunello di Montalcino Sugarille di Pieve Santa Restituta, passando per il Barolo Colonnello di Aldo Conterno, e per il Brunello di Montalcino dei Conti Costanti, per limitarci ai vini giudicati fino a 95 punti.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli