02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECONOMIA

Giappone: inflazione sotto controllo, ma lo Yen debole spinge i prezzi del vino importato al +10%

Il cambio col Dollaro ai livelli più bassi da 32 anni, e adesso si teme per il calo dei consumi
CONSUMI, ECONOMIA, ESPORTAZIONI, GIAPPONE, MERCATI, vino, YEN, Mondo
Giappone, lo Yen debole spinge in alto i prezzi

Nel complesso mosaico dell’economia mondiale, con cui deve fare i conti anche il vino italiano, ci sono dinamiche molto diverse tra loro. Se in Europa l’inflazione, causata dalla corsa dei costi energetici, è il primo dei problemi, e in Usa il dollaro forte restituisce forza alle importazioni, le cose vanno diversamente in Giappone, che nei primi sette mesi del 2022 si è confermato come il più importante tra i mercati asiatici, con 118 milioni di euro di vino italiano importato, dato in crescita del +26,8% sui primi sette mesi 2021. Nel Sol Levante, economia solida ma che da anni cresce a ritmi lentissimi, un po’ come quella italiana, l’inflazione è relativamente bassa, almeno nel confronto con l’Occidente: +3% a settembre, comunque il livello più alto degli ultimi 8 anni. Quello che invece preoccupa è il record negativo dello Yen: la moneta giapponese è scambiata a 150 con il dollaro, il cambio più sfavorevole da 32 anni a questa parte.

Un contesto che, come è facile immaginare, non aiuta le importazioni, a partire da quelle del food & wine. Come racconta la Reuters, il combinato di Yen debole e inflazione ha portato ad una crescita dei prezzi del 10% sul vino importato nei bar, ristoranti ed enoteche del Giappone. Una bella magagna, in prospettiva futura, per tanti Paesi produttori, dalla Francia all’Italia, dagli Usa al Cile: i consumi di vino dei giapponesi sono legati per il 70% alle importazioni, ma di fronte ad una tale corsa dei prezzi (che, per il Beaujolais Nouveau, che qui ha il suo primo mercato, arriverà anche al +40%) arrivano già le prime indicazioni di una brusca frenata degli acquisti. Inoltre, secondo la società di ricerca Teikoku Databank, da inizio anno sono ben 20.000 i prodotti del comparto food & drink importati che hanno subito rincari rilevanti.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli