02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E DINTORNI

590 milioni di tappi di sughero venduti, 62 milioni di fatturato: i numeri di Amorim Cork Italia

La filiale italiana si conferma la n. 1 nel mondo del colosso portoghese del sughero Amorim Cork. E cresce (+8% sul 2017) tra tecnologia ed etica

Il mercato del vino cambia, e tra nuove tendenze, nuovi approcci al consumo, ed evoluzione tecnologica, le chiusure alternative al classico tappo di sughero si fanno sempre più spazio. Eppure, la più classica ed icona delle tappature per il vino, non conosce crisi, almeno dall’Osservatorio di Amorim Cork Italia, divisione italiana del colosso portoghese Amorim Cork, leader mondiale del mercato del sughero, che continua a crescere, registrando 62 milioni di euro di fatturato nel 2018 (+8% sul 2017), con oltre 590 milioni di tappi venduti.
Dati che hanno confermato la divisione italiana, con sede a Conegliano (Treviso), nel 2018, come la prima filiale al mondo per il sughero Amorim, inseguita da quella francese e dalle due aziende statunitensi.

“Protagoniste del successo sono sicuramente le linee di prodotti a garanzia 100%, come il tappo Neutrocork, per vini di tutti i giorni, ma anche NDTech, sempre di più il benchmark di mercato per i grandi vini italiani. Nel 2018 9 milioni di bottiglie sono state chiuse con quest’ultima tipologia di tappo, dimostrando non solo la qualità del prodotto, ma anche l’attenzione delle cantine italiane a scegliere il meglio che la natura mette a disposizione in termini di chiusure per il vino”, spiega una nota. Quasi 3.000 cantine, dunque hanno Amorim. Che, negli anni, ha investito sempre di più anche sull’aspetto etico.
“Dall’uguaglianza della forza lavoro, con un equo 50% di donne e 50% di uomini, allo sviluppo del progetto “Etico” per il recupero e riciclo dei tappi usati, passando attraverso Eticork, iniziativa che valorizza e riconosce le aziende vitivinicole che tutelano l’ambiente con la loro attività, il sostegno al territorio e alla natura è il valore aggiunto di Amorim Cork Italia, che si dimostra sempre più attenta e sensibile. Una filosofia entrata da anni anche in azienda, con il contrasto globale al fenomeno del Green Washing a partire dai dettagli quotidiani e con un concetto di welfare che continua a scommettere sulla formazione dei suoi dipendenti. Dai corsi di lingue a quelli per sommelier, passando attraverso percorsi di interazioni con il cavallo e attività sportive e non solo di team building, l’armonia tra tempo libero, famiglia e lavoro ha consentito ad Amorim di ricevere la recente e prestigiosa certificazione Family Audit”.
“Amorim Cork Italia sta raccogliendo quanto seminato. Abbiamo voluto costruire una cultura del sughero, materiale sostenibile da ogni punto di vista, e creato così una nuova consapevolezza nei consumatori - afferma l’ad Carlos Veloso dos Santos - scegliere il tappo in sughero oggi significa volere il meglio non solo per i propri prodotti, ma anche per la propria vita, capace com’è, nel suo piccolo volume, di racchiudere avanguardia tecnologica, potenza sensoriale, bontà verso il mondo che ci circonda. Ogni tappo in sughero è vera e propria eredità morale verso le future generazioni”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli