02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024
CRIMINE ENOICO

60.000 litri di vino sversati, per un danno da 2,5 milioni di euro: succede in Spagna, a “Cepa21”

La cantina della Ribera del Duero vittima di un atto vandalico simile a quello che colpì Case Basse di Gianfranco Soldera, a Montalcino, nel 2012
CEPA21, RIBERA DEL DUERO, SVERSAMENTO, vino, Mondo
Lo sversamento del vino nella cantina Cepa21, in Spagna

60.000 litri di vino sversati con un atto vandalico, per un danno da 2,5 milioni di euro. È quello che ha subito la cantina “Cepa21”, una delle più prestigiose della Ribera del Duero, in Spagna, di proprietà di Josè Moro, nel territorio di Valladolid. Il fatto, riportano i giornali spagnoli, è avvenuto nelle prime ore di domenica mattina, quando una persona incappucciata, ripresa dalle telecamere di sicurezza dell’azienda, si è introdotta in cantina e ha aperto le botti.
La Guardia Civil è ovviamente al lavoro per catturare il colpevole, ma Moro, nel commentare la vicenda, ha sottolineato come, a prescindere dall’ingente danno economico, uno degli aspetti più deplorevoli sia l’attacco “ai viticoltori che lavorano la vigna tutto l’anno e da cui acquistiamo le uve, ed a tutto il territorio”.
Una vicenda che richiama alla memoria quella simile che colpi una delle cantine simbolo d’Italia, Case Basse di Gianfranco Soldera che, a fine 2012, vide finire in malora il Brunello di Montalcino delle annate 2007, 2008, 2009, 2010, 2011 e 2012, per un totale di 62.200 litri, atto per il quale fu condannato, nel 2013, con rito abbreviato, l’ex dipendente Andrea Di Gisi.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli