02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DA OGGI AL 19 DICEMBRE

A Trento, nei wine bar del territorio e nelle maison: ecco “Trentodoc: bollicine sulla città”

Da Palazzo Roccabruna, la kermesse per eccellenza dedicata al Metodo Classico di montagna diventa “Happy Trentodoc” e “Trentodoc in cantina”

Nascono dai vigneti tra i pendii delle Alpi ed “abbracciati” dalle Dolomiti Patrimonio dell’Unesco, “con vista” sul Lago di Garda e che circondano una città ricca di storia e bellezze, dal Castello del Buoncosiglio ai palazzi affrescati, coltivati grazie all’esperienza trasmessa di generazione in generazione tra i vigneron in un territorio non facile, ma che, insieme al clima caratterizzato da notevoli escursioni termiche, è ideale per dar vita a spumanti di assoluta qualità, freschi, eleganti e che si riconoscono per il loro fine perlage, prima Denominazione di origine controllata in Italia nel campo delle bollicine classiche (la Doc Trento nasce nel 1993), la seconda dopo lo Champagne. Ecco, per gli amanti del genere e per i curiosi, tutto il fascino del Trentodoc, protagonista nei calici aspettando Natale di “Trentodoc: bollicine sulla città”, la kermesse per eccellenza dedicata al Metodo Classico di montagna nella “capitale” Trento, nei ristoranti, wine bar e nell’hospitality del territorio e nelle sue piccole e grandi maison.
Fino al 19 dicembre, Palazzo Roccabruna a Trento, prestigioso palazzo rinascimentale, in passato tra i luoghi del Concilio di Trento oggi sede dell’Enoteca Provinciale del Trentino, è il cuore di “Trentodoc: bollicine sulla città”, all’edizione n. 17, con oltre 50 aziende e più di 80 etichette in degustazione, con la regia della Camera di Commercio di Trento, dell’Istituto Trento Doc, della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, e con il supporto del Consorzio di Tutela Vini del Trentino. E dall’antico Palazzo, l’evento si irradia in tutta la città e sul territorio grazie agli eventi enogastronomici di “Happy Trentodoc” nei ristoranti, locali e nelle strutture ricettive, e grazie alle proposte delle cantine dell’Istituto con “Trentodoc in cantina”.

Focus - Le cinquanta sfumature di Trentodoc da assaggiare: le case spumantistiche
1. Abate Nero
2. Agraria Riva del Garda
3. Altemasi
4. Balter
5. Bellaveder
6. Bolognani
7. Borgo dei Posseri
8. Cantina d’Aldeno
9. Cantina d’Isera
10. Cantina Mori Colli Zugna
11. Cantina Rotaliana di Mezzolombardo
12. Cantina Sociale di Avio-Viticoltori in Avio
13. Cantina Sociale Roverè della Luna Aichholz
14. Cantina Sociale Trento Le Meridiane
15. Cantina Toblino
16. Cantine Monfort - Sforzellini
17. Cembra Cantina di Montagna
18. Cenci
19. Cesarini Sforza Spumanti
20. Corvèe
21. Dolomis
22. Endrizzi
23. Endrizzi Elio
24. Etyssa
25. Ferrari F.lli Lunelli
26. Fondazione Edmund Mach
27. Gaierhof
28. Le Vide
29. Letrari
30. Madonna delle Vittorie
31. Man Spumanti
32. Mas Dei Chini
33. Maso Martis
34. Maso Poli
35. Moser
36. Pedrotti Spumanti
37. Pisoni
38. Pravis
39. Revì
40. Romanese
41. Rotari
42. San Michael
43. Seiterre
44. Simoncelli
45. Spagnolli Francesco
46. Tenuta San Leonardo
47. Tenute Vidi
48. Terre Del Lagorai
49. Tonini
50. Villa Corniole
51. Vivallis
52. Zeni Roberto

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli