02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADB KRONOS

Vino: Winenews, etichette italiane in crescita in Russia ma il rinnovo delle licenze per molti importatori è a rischio ... Le importazioni di vino straniero in Russia stanno vivendo un grande successo commerciale, ma anche un momento critico dal punto di vista burocratico, che desta non poche preoccupazioni a produttori di tutto il mondo, Italia inclusa: il rinnovo delle licenze di importazione di molti player importanti del mercato da parte delle autorità russe è a rischio. Secondo i rumors raccolti da WineNews, le autorità del Cremlino non avrebbero gradito il comportamento di alcuni importatori, anche importanti, che operano in Russia ma con gestioni finanziare “ballerine” all’estero, ritardando, per loro, il rinnovo della licenza di importare. Situazione che, fino ad oggi, è stata gestita da molti grazie agli stock di prodotto dei distributori, che sono riusciti a non far mancare il prodotto sul mercato. Ma i magazzini che si stanno svuotando destano più di qualche allarme. Un’impasse che, per molte aziende italiane, potrebbe significare l’azzeramento del lavoro di anni, se i rispettivi partners non ottenessero il via libera a far arrivare nuovi ordini nel Paese. Senza contare che si creerebbe una sorta di “oligopolio” delle importazioni, un collo di bottiglia in mano ai pochi player che hanno le licenze già rinnovate. Cosa che, probabilmente, ridurrebbe anche il potere di contrattazione delle imprese italiane con i grandi importatori, incidendo sul valore riconosciuto alle cantine. Una vicenda che i produttori osservano con grande attenzione, potendo fare ben poco per evitare un danno potenziale, che sarebbe ancora più amaro se si considera che il mercato russo, per i vini italiani, è in continua crescita: i valori, nel 2010, sono cresciuti del 60% sul 2009, arrivando a 104 milioni di euro, e nei primi 5 mesi del 2011 le importazioni sono cresciute di un altro 44%. La Russia, con oltre 1 miliardo di litri di vino consumati nel 2010, 30 milioni di potenziali clienti ‘‘premium’’ e un consumo medio pro capite di 7 litri l’anno, viene considerata un mercato di importanza strategica per i produttori italiani.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli