02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADN KRONOS

Vino: tra millesimi e cuvée, aprono le porte dell’abbazia di Dom Pérignon ... Bollicine da sogno (e dai 1.000 euro in su), quelle che si potranno degustare all’Abbazia di Hautvillers in Francia che apre per la prima volta quest’anno le porte al pubblico del luogo dove il celebre Dom Pérignon visse per 47 anni “inventando” lo Champagne. Il costo del biglietto di una degustazione non è proprio alla portata di tutti (600 euro), ma sarà possibile assaggiare millesimi e cuvée dai prezzi almeno doppi. Ad organizzare l’iniziativa è proprio Dom Pérignon, uno dei marchi più famosi al mondo della Champagne e che fa parte della galassia Lvmh (insieme a Krug, Moët & Chandon, Veuve Clicquot Ponsardin, Mercier e Ruinart), come riferisce il sito Winenews.it. L’educational tour prevede nel suo programma l’assaggio di sei Champagne d’eccezione incluso il “Plenitude” 2005, 1998 e 1982. Una bottiglia di quest’ultimo millesimo è valutata mediamente 1.300 dollari e quindi, il biglietto da 600 euro diventa il modo più “economico” per assaggiare questi vini. L’abbazia benedettina fu fondata nel 650 ed è diventata una delle principali mete di pellegrinaggio dopo l’arrivo, nel 841, del corpo di Sant’Elena. Il denaro guadagnato in quei tempi con i pellegrinaggi permise all’abbazia di acquistare terreni e vigneti in quella che è oggi la regione vinicola della Champagne e dove Dom Pérignon svolse la sua attività di cantiniere. La reputazione del monastero svanì però nel corso del tempo e fu uno dei successori di Pérignon, Dom Groussard, che inventò una serie di miti intorno al suo avo, compreso quello di attribuire l’invenzione dello Champagne al monaco di Reims. “I racconti e le leggende intorno a questo luogo e a Dom Pérignon - sottolinea il sito www.wine-searcher.com che riporta la notizia - furono escogitati per aumentare la visibilità e il prestigio dell’Abbazia quindi se si partecipa a una delle giornate di degustazione in programma all’abbazia di Hautvillers nel mese di giugno, luglio o ottobre, assicurarsi di separare i fatti dalla finzione”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli