02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADN KRONOS

Vino: alla scoperta dei vigneti più suggestivi del mondo ... In tempo di vendemmia il sito di informazione enologica Winenews.it invita ad un viaggio tra i luoghi più strani dove vengono coltivate le viti sia in Italia che all’estero. La prima tappa è Pompei, dove dal 1994, su un’area degli scavi, si estendono alcuni vigneti grazie all’Università di Napoli e all’azienda campana Mastroberardino. Proseguendo in Italia, si scoprono a Venezia, nell’isola di Sant’Erasmo, da sempre considerata l’orto di Venezia, passando dall’isola di San Michele, sede del cimitero di Venezia, dove sono presenti vigne e si produce vino e poi nel Convento delle Zitelle della Giudecca, dove all’interno del chiostro c’è spazio anche per un vigneto. Anche nel cuore di Venezia si possono trovare vigneti, alla Corte Sconta e alla Vigna della Tana, nelle vicinanze della Biennale. Non ultimo il caso di Bisol, che nell’isola di Mazzorbo coltiva un vitigno tradizionale veneziano quasi estinto, la Dorona. Anche a Siena, città medioevale capace di conservare quasi completamente il suo volto dell’epoca, compresi gli “orti” dentro le mura, è in corso un progetto di recupero dei vigneti “intra moenia”. E Roma non è da meno. A Trinità dei Monti, appena sopra piazza di Spagna, si trova un vigneto nei giardini del Convento francese del Sacro Cuore, regolarmente curato dai ragazzi della scuola enologica Emilio Sereni. In Francia, al di là delle zone storiche e celeberrime, esiste un caso molto particolare, quello di Parigi. Nella capitale francese un vigneto è stato piantato sulla collina di Montmartre e fin dal 1933, viene prodotto il “Clos Montmartre”. Negli Usa, qualcosa di estremamente suggestivo e un po’ scenografico non manca mai. A Los Angeles, precisamente a due passi dalla nota località di Bel Air, di fronte all’Oceano si trova la Tenuta Moraga, tra le altre cose, una delle più antiche degli Stati Uniti, essendo stata la prima ad essere costruita dopo la fine del proibizionismo. Dove poi non è proprio possibile pensare ad un vigneto come siamo abituati a pensarlo è New York: un gruppo di millennials della Grande Mela hanno creato il primo vigneto commerciale sui tetti di Brooklyn, con vista sull’Empire State Building, sperando in una prima annata nel 2017. Ma fuori dai panorami urbani, in mezzo al mare, nelle isole Hawaii, altitudine e terreno vulcanico aiutano a far crescere alcuni vigneti produttivi da cui dal 1986 ottiene i suoi vini Lynn “Doc” McKinney. Padre Ottavio Fasano, missionario piemontese doc, vive da 50 anni a Capo Verde sull’isola di Fogo, da dove, nel 2013, sono uscite dalla cantina Monte Barro le prime bottiglie di “Maria Chaves”, prodotte sui 23 ettari vitati. Forse si tratta dell’esempio più noto, ma è sempre molto suggestivo. Nell’isola di Lanzarote, nelle Canarie, esiste una tradizione vinicola che parte dal Settecento, e che produce vini anche eccellenti. Le viti sono coltivate all’interno di una sorta di “pozzo sommerso” (circa tre metri di profondità e cinque di larghezza), che rende il paesaggio di quest’isola unico. A Tahiti, nella Polinesia francese, e precisamente nell’isola di Rangiroa ci sono 8 ettari di vigneto collocati proprio sulla spiaggia, davanti al mare tropicale, da cui si producono 40.000 bottiglie tra vino bianco e rosé. Da ultimo, è notizia di pochi giorni, ci saranno vigneti anche nella Repubblica Domenicana, nei Caraibi per intendersi, con il progetto “Ocoa Bay”. È possibile produrre un vino di qualità al di fuori della zona tra il 30° e il 40° parallelo? Rio Sol è l’azienda brasiliana che coltiva i suoi vigneti all’8° di latitudine a sud dell’equatore, in un terroir che consente di fare addirittura due vendemmie all’anno. Ma c’è anche un caso opposto. In Norvegia l’azienda Lerkekasa che produce bottiglie regolarmente in commercio dai suoi vigneti fin dal 2008, che si trova nel villaggio di Gvarv (59° 40’Nord, 09° 19’ Est). Si coltiva la vite anche in Patagonia, sulla punta più meridionale del Sud America. L’azienda e i vigneti della cilena Casa Silva, in produzione commerciale, sono quelli più a meridione, sulle rive del Lago Ranco, 600 miglia a sud di Santiago a 40 gradi di latitudine. Ma c’è spazio per la vite anche nel deserto. Situato nei pressi di Luxor, in Egitto, Sahara Vineyards ha piantato un vigneto soggetto a sbalzi di temperatura incredibili dal giorno alla notte, una completa mancanza di precipitazioni e sabbia del deserto priva di sostanze nutritive. Inoltre, e una sperimentazione estrema e fantascientifica consiste nel vigneto ‘nucleare’ presso la centrale nucleare finlandese di Olkiluoto che ospita un vigneto (meno di un ettaro) e che produce qualche grappolo di uve Zilga ogni anno grazie alla diffusione nel terreno dell’acqua riscaldata dal reattore nucleare. Se il vigneto più alto del mondo non è in discussione, si tratta del vigneto biodinamico “Altura Maxima” dell’azienda argentina Bodega Colomé, con i suoi 3.111 metri di quota, più fluida è la definizione del vigneto più alto d’Europa. Si candida Cortina, con un vigneto produttivo a 1.300 metri (realizzato da Federico Menardi e l’enologo Fabrizio Zardini con il Centro di Ricerca dei Vivai Cooperativi di Rauscedo), ma c’è anche la Valle d’Aosta con la Cave du Vin Blanc de Morgex et de la Salle, che possiede un vigneto alle falde del Monte Bianco e detiene il primato della cantina più alta d’Europa a 2.173 metri di quota, la Cave du Mont Blanc. Per concludere, forse il luogo più strano di tutti per piantare un vigneto: è negli Stati Uniti, in California e precisamente nella East Bay dove non ci sono altri vigneti se non questo. Un enologo di origine ebraica e un Padre cattolico, Jayson Landeza, coltivano e benedicono un vigneto che cresce in un cimitero.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su