02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

AdnKronos

Vino: Winenews, Toscana pronta a riaprire gli albi dei vigneti delle denominazioni … Ad aprire la via, ufficialmente, è stata la Doc Bolgheri... La Toscana del vino si avvia verso una riapertura degli Albi dei Vigneti delle principali denominazioni regionali. Strumento, quello degli Albi delle Dop enoiche, di cui, peraltro, la Regione Toscana è stata pioniera in Italia. È il rumors intercettato da Winenews.it, dopo che, nei giorni scorsi, il Consorzio della Doc Bolgheri, uno dei territori in maggior spolvero della Regione e d’Italia, ha chiesto ufficialmente alla Regione stessa la “concessione di 120 ettari di nuova superficie rivendicabile destinati alla denominazione Bolgheri tipologie rosso e di 70 ettari destinati alla denominazione Bolgheri tipologie bianco”, un totale di 190 ettari su poco più dei 1.370 attuali. Ettari che, per altro, fanno già parte del potenziale vinicolo del territorio, e quindi non si parla di nuovi impianti, bensì di ettari vitati ma attualmente non rivendicati a Doc Bolgheri. Ed ora, dopo l’invito della Regione ai Consorzi a presentare dei Piani di programmazione triennale, con l’obiettivo primario di arrivare ad un equilibrio sul mercato, pare che molte delle denominazioni più prestigiose stiano valutando seriamente di seguire la strada aperta da Bolgheri (la cui domanda è in attesa di una risposta che, salvo sorprese, dovrebbe essere positiva). Un tema assai delicato, quello della gestione del potenziale viticolo, da un lato imbrigliato nel Regolamento europeo sulle autorizzazioni per i nuovi impianti, che consente ad ogni Paese Ue una crescita dell’1% annua (ma, nello specifico della riapertura degli albi, non è questo il caso, ndr), che, per alcune denominazioni, è più che abbondante, per altre decisamente insufficiente, dall’altro
influenzato dalla tenuta del mercato (al netto dell’andamento stagionale che, ovviamente, influisce in maniera diretta sui volumi di produzione) ma anche dai valore degli ettari che, nelle Docg e Doc più importanti, sono arrivati a quotazioni vertiginose. Nella stessa Toscana, per esempio, a Montalcino, per un ettaro vitato a Brunello siamo ormai sul milione di euro ad ettaro, a Bolgheri si oscilla tra i 400.000 ed i 500.000 euro, ma sono quotazioni importanti, anche in relazione ai prezzi medi dei vini, anche quelle di Chianti Classico (tra i 170.000 ed i 200.000 euro ad ettaro), del Nobile di Montepulciano (120-150.000 euro ad ettaro), mentre più “abbordabili” sono le quotazioni del Chianti, tra i 70.000 ed i 90.000 euro ad ettaro. Valori che, in parte, come per tutte i beni, riflettono anche le dimensioni dell’offerta, in questo caso il volume di ettari, visto che dei 60.000 ettari vitati della Toscana (dati Ismea), di cui oltre il 90% Dop, il Chianti copre da solo il 33,1% del vigneto a denominazione, il Chianti Classico il 12,7%, seguite a distanza da Maremma Toscana (4%), Brunello di Montalcino (3,9%), Morellino di Scansano (3,2%), Nobile di Montepulciano (2,8%), Bolgheri (2,5%), Vernaccia di S. Gimignano (1,9%), Rosso di Montalcino (1,2 %), Rosso di Montepulciano (0,9%), Bianco di Pitigliano (0,5%). E, di conseguenza, un eventuale aumento del numero degli ettari rivendicabili, potrebbe portare, almeno in alcuni casi, ad un ridimensionamento generale delle quotazioni dei vigneti stessi. Ma, al di là dei numeri, la probabile riapertura degli albi dei vigneti delle Dop toscane (il cui iter prevede, in ogni caso, la richiesta da parte dei Consorzi e poi l’approvazione da parte della Regione, sentita la filiera e le sue rappresentanze, che ha comunque l’ultima parola, ndr) sarebbe un segnale da cogliere con grande attenzione per tanti altri
territori del vino italiano.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su