02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Enologia: sondaggio WineNews, italiani preferiscono brindare a casa ... Leggeri segnali di ripresa sui mercati esteri, i più colpiti dalla crisi, e consumi stabili su quello interno per il settore del vino. E gli italiani preferiscono brindare tra le mura domestiche piuttosto che al ristorante, più per effetto delle dure leggi contro l'alcol che per la situazione economica. È il “sentiment” di una mini-inchiesta di www.winenews.it, uno dei siti più cliccati dagli enoappassionati, condotta su 25 importanti realtà vinicole italiane (di diverse dimensioni, territori e target), presentata al “Wine Show” in corso a Torino fino a domani. “Siamo ancora lontani, ovviamente, dai numeri pre crisi, ma qualcosa - spiega la mini inchiesta di WineNews - sembra muoversi, sbloccando il quasi totale immobilismo registrato tra 2008 ed inizio 2009. Per molti dei produttori intervistati, si vedono timidi, ma, comunque, effettivi, segnali da parte anche di mercati importanti, come quello degli Stati Uniti. Negli Usa, a gennaio 2009, gli acquirenti non volevano neanche assaggiare le nuove annate, per mancanza di liquidità per nuovi acquisti, ma in agosto 2009, complice anche il progressivo svuotamento degli stock, hanno cominciato ad assaggiare i nuovi vini, e, finalmente, ad ottobre 2009, hanno iniziato a comprare qualcosa. È cambiato però il target della domanda, che si e' riposizionata su vini meno costosi, incidendo negativamente sulle bottiglie che allo scaffale superano la soglia psicologica dei 10 dollari. In più, bisogna fare attenzione alla debolezza del dollaro che, qualora la situazione non cambiasse, potrebbe aggiungersi al già debole dinamismo del fondamentale mercato americano. Ma tra i produttori è diffusa la convinzione che i numeri dell'export verso gli States non torneranno ai livelli di qualche anno fa, con tante etichette destinate a sparire dagli scaffali e dalle carte dei ristoranti a stelle e strisce più importanti”. Più reattivi sembrerebbero, invece, i nuovi mercati del vino, soprattutto Giappone, Cina e Russia, dove si punta però sempre più sui marchi affermati, e dove i numeri di partenza sono comunque relativamente bassi. Eterogenea la situazione in Europa, che, specialmente per i piccoli produttori, continua a rappresentare il mercato di riferimento (Germania e Gran Bretagna assorbono circa un terzo del nostro export viticolo). I segnali di ripresa, comunque, non sono fortissimi e le dinamiche della domanda restano molto lente. Molti degli imprenditori, sentiti da www.winenews.it, vedono pronta a ripartire soprattutto la Germania, mentre e' più lenta la ripresa della Gran Bretagna, che va male anche per il vino sfuso, a causa di una crisi importante delle “private label” della Grande Distribuzione Organizzata (Gdo) inglese.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su