02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: WineNews, dall’estero sale la richiesta di zonazione: sia per i produttori che per i consumatori ... La necessità, sempre più forte, di una zonazione seria ed efficace, sia per i produttori che per i consumatori, soprattutto (ma non solo) in territori come quello del Brunello di Montalcino e del Chianti Classico: segnale chiaro, raccolto da WineNews, che arriva , in più occasioni, nella settimana delle “Anteprime di Toscana” 2014,da qualche produttore e da alcuni dei nomi più importanti della critica internazionale: da Monica Larner (“The Wine Advocate”) a Kerin o’Keefe (“The Wine Enthusiast”), da Walter Speller (“Jancis Robinson”) al Master of Wine Tim Atkin, solo per citarne alcuni. Una parola, “zonazione”, che si èaggirata tra le anteprime come uno spettro, seppur “benevolo”, nel senso che porta con sè una discussione tesa a qualificare i due vini in questione e a renderli ancora più importanti di quanto losiano già. A partire dal fatto evidente che l’opzione in discussione non riguarda, in nessuno dei due casi,una zonazione “qualitativa” o “classificatoria”, obbiettivamente impossibile da inseguire per i molteplici interessi aziendali già abbondantemente consolidati, ma solo “geografica” per una più precisa collocazione di questi vini, che sono fra i più importanti d’Italia, nei loro rispettivi territori e per una loro ulteriore valorizzazione. Nel caso del Chianti Classico la soluzione sembrerebbe davvero a portata di mano, introducendo specifiche sottozone, o denominazioni “comunali”, usando gli storici comuni che compongono la denominazione (Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Poggibonsi, Radda in Chianti, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa) e porterebbe un’ulteriore spinta propulsiva alla novità di fascia alta rappresentata dalla neonata “Gran Selezione”. Nel caso del Brunello la questione è solo leggermente più complicata, dato che la denominazione di Montalcino è compresa in unico comune. Ma è evidente che località e frazioni possono facilmente diventare delle sottozone, anche perché molte sono già riconosciute dalla critica enologica come entità a sè stanti, in grado di produrre dei Brunello dalle precise connotazioni stilistiche. Il dibattito (e la strada) sono aperti.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli