02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: nelle aste spazio per etichette italiane è destinato a crescere: il parere di Stephen Mould dell’European Wine Department di Sotheby’s ... Il 2013 va in archivio come l’anno migliore, a livello commerciale, per il vino italiano che, oltre a crescere ancora sui mercati esteri, si è imposto all’attenzione di collezionisti ed investitori con le sue etichette più prestigiose, dall’Ornellaia al Sassicaia, dal Masseto a Biondi Santi passando per Gaja, sempre più protagoniste nel mondo delle aste internazionali e nel mercato secondario, come raccontano le ottime performance del Liv-ex, il benchmark dei fine wine. Ma cosa riserva il futuro delle aste internazionali al vino italiano? Risponde, a WineNews, Stephen Mould, Senior Director e Head of European Wine Department di Sotheby’s (www.sothebys.com/it.html) i vini di Bolgheri, che sono comunque i più conosciuti e performanti, lavoriamo con quelli di tante altre Regioni, a partire dal Piemonte e dalle bottiglie di Gaja, che vantano ottimi dati storici già dai primi anni duemila. “Sono convinto che in Italia - afferma Mould - si facciano vini di qualità in tante altre zone, e non vedo perchè, se il mercato dovesse riconoscere un certo valore ad una determinata etichetta, proveniente da Regioni meno conosciute, come la Sicilia, noi non dovremmo batterla all’asta. Funziona così il mondo delle vendite all’incanto: nel momento in cui c’è qualcosa di nuovo che va di moda, la maggior parte della gente segue la corrente”.I protagonisti, però sono sempre i francesi, nonostante un certo ridimensionamento patito, soprattutto dai bordolesi, nel corso del 2013: “al momento, si può ben dire che, anche per ragioni storiche, il mercato sia ancora dominato dalla Francia, e nell’immediato non credo che la situazione cambierà, ma dall’altro lato va registrata la caduta di Bordeaux dai livelli altissimi a cui ci aveva abituato negli ultimi anni”. La domanda adesso è: che peso può avere in questo mercato il vino italiano? “È tutta una questione di spazi lasciati liberi dai francesi - spiega Stephen Mould - quindi di nuove possibilità da cogliere, come quelle offerte, adesso, dal livello di prezzi eccessivo toccato dai vini non solo di Bordeaux, ma anche di Borgogna: in una fascia di prezzo più bassa, quindi, l’Italia può ritagliarsi una sua quota, ma a breve e medio termine non credo proprio che cambierà molto sul mercato internazionale delle aste, e sarà quindi ancora la Francia a comandare”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su