02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: Brunello 2010 Casanova di Neri al primo posto Top 100. Con Trimbach Clos St Hune 2009 (Francia) e Chateau Lèoville Las-Cases 2012 ... Trimbach Clos St Hune 2009 (Francia),
Chateau Léoville Las-Cases 2012 (Francia), Casanova di Neri Brunello
di Montalcino Tenuta Nuova 2010, Egon Muller Scharzhofberger Riesling
Auslese gold kapsel 2013 (Germania), Giuseppe Mascarello & figlio
Barolo Monprivato 2010, Dominus Estate Napa Valley 2011 (Usa), Pol
Roger Champagne Cuvée Winston Churchill 2002 (Francia), Chateau du
Beaucastel Chateauneuf du Pape Hommage à Jacques Perrin 2012
(Francia), Paul & Marie Jacqueson Rully 1er cru La Pucelle 2013
(Francia) e Tenuta Sette Ponti Oreno 2012: ecco, nell’ordine, la “Top
10” de “I Migliori 100 Vini del Mondo scelti da Luca Gardini” 2015,
in edicola domani, con una tiratura di oltre 300.000 copie, con
“Sport Week”, in abbinamento con il quotidiano sportivo più letto
d’Italia, “La Gazzetta dello Sport”, e che WineNews è in grado di
anticipare.

Una classifica “made in Italy” diversa, nel concetto, quella curata
da Gardini, sommelier “campione del mondo nel 2010” e oggi uno dei
palati italiani più apprezzati a livello mondiale, rispetto alle guide
“storiche” del panorama italiano, perché offre uno sguardo più
internazionale agli appassionati, con gli assaggi dei vini che vengono
dai 4 angoli del mondo (e che sta crescendo, nell’interesse degli
addetti ai lavori e degli appassionati d’Italia e non solo, nel solco
tracciato dalle classifiche storiche come la “Top 100 wines of the
year” della rivista Usa “Wine Spectator”, o la “Top 50 wines of
the year” di quella Uk “Decanter”). Se oltre 40, infatti sono i vini del Belpaese, che è il più
rappresentato, c’è tanta Francia, ma anche Australia, Argentina,
Libano, Sud Africa e Usa, senza dimenticare vere e proprie
“eno-novità” come quelle di Brasile, Siria e Regno Unito. “Con la “Gazzetta” ormai è oltre 2 anni che
collaboriamo - spiega, a WineNews, Luca Gardini - è nata “Gazza
Golosa”, pagina che esce il venerdì, curata da Pier Bergonzi e
Daniele Miccione, su cui ho una mia rubrica che si chiama
“Sorseggiando”, e ogni venerdì raccontiamo i vini italiani che ci
hanno colpito di più, giocando sull’emozione, perché è quello che
accomuna i grandi vini e lo sport, con la Gazzetta che è realmente il
giornale più letto d’Italia. Poi da oltre 4 anni faccio questa “top 100” sui vini mondiali, che
viene edita in italiano, in inglese, e da quest’anno anche in
francese, la porteremo a Vinexpo a Bordeaux. Viene molto seguita,
anche dall’estero ci chiedono di poter mandare i campioni, e questo è
un buon segno, perché quando vogliono mandarti vini da Paesi come
Germania, Stati Uniti, Francia e così via, vuol dire che c’è interesse
da parte loro, e questo è una cosa positiva per l’Italia”. La “Top 100” viene realizzata degustando alla cieca i vini, divisi
per tipologie, prendendo in considerazione solo le ultime annate che
entrano in commercio, talvolta vere e proprie anteprime, guardando ai
grandi territorio del mondo, ma anche con la curiosità di scovare vere
e proprie chicche.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli