02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: Fazi Battaglia sta per entrare nella galassia BertanI Domains. Lo annuncia a WineNews l’ad Emilio Pedron … Non si fermano le compravendite
eccellenti nel panorama enoico italiano, in questo avvio di 2015: dopo
i tanti casi nei territori di Barolo e Brunello di Montalcino, arriva
la notizia che la storica griffe del Verdicchio, Fazi Battaglia, sta
per entrare nella galassia di Bertani Domains, il gruppo vinicolo
della famiglia Angelini, che comprende già aziende di assoluto
prestigio in territori tra i più importanti d’Italia, come la Cav.
G.B. Bertani a Grezzana (Verona), la Tenuta Novare a Negrar (Verona),
Puiatti Vigneti a Romans d’Isonzo (Gorizia), Val di Suga a Montalcino,
Tre Rose a Montepulciano, San Leonino a Castellina in Chianti (Siena)
e Collepaglia a Jesi (Ancona). A confermarlo a WineNews l’ad di Bertani Domains, Emilio Pedron, uno dei manager più esperti e preparati del vino italiano: ’’ci sono
ancora tanti dettagli da definire, e la trattativa non è formalmente
chiusa, ma la decisione da parte nostra è stata presa ed è chiara,
perché Fazi Battaglia è uno dei marchi storici del territorio e
dell’Italia, su cui puntiamo fortemente, e che vogliamo contribuire a
far crescere ancora, anche di concerto ed in sinergia ad altre realtà
importanti del territorio stesso’’. Un’operazione decisamente importante, vista la storia di Fazi
Battaglia, cantina che, di fatto, ha dato il via la fenomeno
’’Verdicchio’’, ma anche i numeri, considerato che l’azienda ha un
patrimonio vitato complessivo sui 150 ettari nei più bei vigneti nella
zona Classica dei Castelli di Jesi, prevalentemente vitati a
Verdicchio (il cui valore, secondo stime di mercato, oscilla tra i
50.000 e gli 80.000 euro ad ettaro). E, in qualche modo, è anche un ’’ritorno in famiglia’’,
visto che la Fazi Battaglia è stata ’’creata’’ negli anni Cinquanta da
Francesco Angelini, imprenditore oggi alla guida del gruppo
farmaceutico omonimo che controlla la stessa ’’Bertani Domains’’, e
dagli anni Novanta sotto la guida della famiglia Sparaco Giannotti,
parenti degli stessi Angelini. Con Bertani Domains che, aggiungendo un altro marchio prestigioso,
cresce ancora per dimensioni, arrivando a sfiorare i 2.000 ettari
vitati complessivi in alcuni dei territori più prestigiosi del
Belpaese, confermandosi uno dei gruppi vinicoli più importanti
d’Italia (www.bertanidomains.it). La Fazi Battaglia nasce nel 1949 in un piccolo e attrezzato
stabilimento a Cupramontana, nelle Marche, con una produzione annua di
60-80 mila bottiglie di Verdicchio, un vitigno autoctono a quei tempi
praticamente sconosciuto. L’avventura inizia così negli anni ’50,
grazie all’intuito ed al coraggio dell’imprenditore Francesco
Angelini, che ha saputo credere nelle potenzialità del Verdicchio e
che acquisterà l’Azienda ancora oggi gestita dai suoi nipoti. Nel 1953 viene creata la bottiglia ad ’’Anfora’’,
ispirata agli antichi contenitori etruschi per il vino, grazie al
disegno originale dell’architetto Antonio Maiocchi, vincitore del
bando di concorso lanciato dalla Fazi Battaglia per rendere il suo
Verdicchio ’’Titulus’’ immediatamente riconoscibile sulle tavole di
tutto il mondo. Per completare l’abbigliamento della bottiglia,
l’etichetta è stata disegnata dal famoso maestro Bruno da Osimo.
Questa bottiglia riscuoterà un successo tale da diventare il simbolo
stesso del Verdicchio dei Castelli di Jesi, e aprirà la strada alla
creazione di una serie di contenitori simili per il Verdicchio di
tutta la zona. Una qualificata produzione segna l’inizio di un
continuo successo, e la richiesta di Verdicchio è tale da imporre
nuove strutture. La Fazi Battaglia si trasferisce allora in un nuovo e più moderno
stabilimento a Castelplanio, in provincia di Ancona, ed amplifica il
suo successo investendo coraggiosamente in vigneti selezionati nella
zona Classica dei Castelli di Jesi. Proprio le vigne diventano
l’elemento di maggior impegno dell’azienda che negli anni a seguire ha
sempre scelto con cura i suoi terreni, tutti collinari, dopo un esame
che ne accerti la validità alla coltura specifica del vitigno
Verdicchio convinti del fatto che il buon vino nasca innanzitutto
dalla vigna e dalla qualità delle sue uve; a questa fase segue un
approfondito lavoro di sperimentazione sui sistemi di allevamento
delle viti. La conduzione diretta unita alla passione di 4 generazioni ed alle
tecniche agricole più moderne ed accurate e, soprattutto, dei tecnici
esperti ed efficienti come l’enologo Dino Porfiri e l’agronomo Mirco
Pompili consentono alla Fazi Battaglia di ottenere uve eccezionali e
di presentare ai consumatori una gamma di prodotti sempre più ampia e
di grande qualità. Dall’inizio degli anni ’90, con l’arrivo in azienda
di Maria Luisa Sparaco, affiancata dai suoi figli e dall’aiuto di un
valido e qualificato staff tecnico, l’azienda sta vivendo una nuova
spinta innovativa che ha portato profonde trasformazioni e
miglioramenti eccezionali nel livello qualitativo, con una spinta alla
diversificazione della gamma (al Verdicchio ed al Sangiovese si
affianca con risultati sempre più sorprendenti anche il Rosso Conero),
e la creazione di selezioni e Riserve di grande livello qualitativo.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli