02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: piu’ trendy dell’estate “bollicine” per 60% dei wine lover. Sondaggio di WineNews e Vinitaly ... Qual è il vino più trendy
dell’estate? Le bollicine, preferite dal 60% dei wine lovers, che, tra
le più celebri espressioni, si dichiarano ‘amanti’ del Franciacorta,
seguito dal “fenomeno” Prosecco e dal prestigio dei migliori
Trentodoc. E se i bianchi, freschi e leggeri, seguono a ruota nelle
preferenze (56%), i rosati si confermano sempre più amati specie in
estate (27%), mentre i rossi si fanno “da parte” (8%). A dirlo è un
sondaggio di WineNews, uno dei siti più cliccati dagli amanti
del buon bere, e Vinitaly (www.vinitaly.com), appuntamento enologico
internazionale, a cui hanno risposto 1.052 “enonauti”, appassionati
già fidelizzati al mondo del vino e del web. Nella bella stagione i consumi restano stabili, ma 9 eno-appassionati
su 10 acquistano vino, spendendo in media dai 150 ai 250 euro per il
“rifornimento” estivo. E la tendenza che spopola? Assaggiare etichette
dei territori di villeggiatura, dal Vermentino di Sardegna, Toscana e
Liguria e il Verdicchio marchigiano, vini-simbolo delle vacanze al
mare nei territori italiani, passando per il Chianti, vino e terroir
per eccellenza dell’enoturismo italiano, risalendo fino ai bianchi
dell’Alto Adige, per chi ama le vacanze in montagna. Al mare di fronte al tramonto, in montagna
dopo una lunga passeggiata, o immersi nel silenzio e relax della
campagna, anche in estate, quando si va un po’ in vacanza, concedersi
un buon bicchiere di vino, infatti, è un rito al quale non si rinuncia
e ogni occasione può essere resa memorabile da una bottiglia. Lo
dimostra il fatto che, seppure in estate i consumi rimangano stabili
per il 61,5% degli ‘enonauti’, diminuiscano per il 20% e aumentino
solo per il 18,5%, la stragrande maggioranza degli amanti del buon
bere (92%) ha intenzione di acquistare nuove bottiglie da degustare. Motivo per cui, per il “rifornimento” dell’intera stagione spendono in
media dai 150 ai 250 euro, seguiti da chi prevede una spesa che va da
50 a 150 euro, e, agli estremi, chi spenderà meno di 50 euro e tra 250
e 500 euro. Allegre e versatili, le bollicine sono,
quindi, le più trendy dell’estate: a guidare le preferenze dei wine
lovers è l’elegante morbidezza del Franciacorta, l’“Official Sparkling
Wine” dell’Expo 2015 di Milano e uno dei territori più gettonati
dell’enoturismo in Italia. Sempre più amato in patria e dagli
stranieri, il Prosecco, con la sua immediata piacevolezza, è secondo
tra le bollicine preferite dell’estate, seguito dalle etichette
dell’Oltrepò Pavese, ma con gli eno-appassionati che indicano anche il
Trentodoc e sono incuriositi dai sempre più numerosi spumanti da
vitigno autoctono. Dopo le bollicine, tra le tipologie più amate dell’estate, ci sono i
bianchi, a partire dal Vermentino di Sardegna, Toscana e Liguria,
passando per un grande classico come il Verdicchio marchigiano, dal
Pignoletto al Lugana, dal Greco di Tufo al Fiano della Campania, dai
pregiati bianchi siciliani dell’Etna ai piemontesi Arneis, Timorasso,
dal Pecorino al Grillo, dal Trebbiano fino ai “gioielli” del Friuli
Venezia Giulia, e i pregiati bianchi dell’Alto Adige, con la curiosità
di assaggiare la Malvasia delle isole, dalle Lipari alla Sardegna. Sempre più amati, i rosati d’estate vivono forse la loro stagione più
bella, e tra le tipologie, gli eno-appassionati indicano le etichette
di Puglia, ma, dal Chiaretto ai rosè dell’Alto Adige, ormai, la
versione ha molte espressioni in tanti territorio italiani. Infine,
per chi non rinuncia ai rossi nemmeno in estate, si va dal Chianti al
Lambrusco, dal Bardolino alle etichette di Valtellina, su tutti,
passando per quelle tipologie meno strutturate da poter degustare a
temperature più basse di quelle canoniche.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su