02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
COMMERCIO MONDIALE

Agroalimentare made in Italy, nel primo trimestre 2022, export a +21,5%, dopo il record 2021

I dati Istat elaborati da Coldiretti. Germania primo mercato per i prodotti italiani, poi Usa e Francia. Boom nel Regno Unito, tracollo in Russia
agroalimentare, Coldiretti, EXPORT, MADE IN ITALY, Non Solo Vino
La pasta, simbolo del made in Italy, nella foto Mgg Vitchakorn via Unsplash

Con un balzo del 21,5% è record storico per le esportazioni alimentari made in Italy nel 2022 anche se a preoccupare sono gli effetti del conflitto in Ucraina, con i rincari energetici stanno colpendo i consumi a livello globale. Emerge dall’analisi Coldiretti sui dati Istat sul commercio estero relativi al primo trimestre 2022. “Le esportazioni alimentari nazionali sono in aumento sul record annuale di 52 miliardi fatto registrare nel 2021, con la Germania che è il principale mercato di sbocco in aumento nel trimestre dell’12,4%, mentre - sottolinea la Coldiretti - gli Stati Uniti si classificano al secondo posto con una crescita del 21,5% e la Francia chiude il podio con +19,5%. Un vero boom - precisa la Coldiretti - si è verificato nel Regno Unito con un +32,5% nonostante la Brexit ma pesa il crollo del 25,1% in Cina ma anche quello in Russia che con l’avvio della guerra e le sanzioni nel mese di marzo fa registrare un crollo del -41,2% rispetto al mese precedente”. A trainare la crescita del made in Italy nel mondo - sostiene la Coldiretti - ci sono prodotti base come il vino che guida, come sempre, la classifica dei prodotti made in Italy più esportati, seguito dall’ortofrutta fresca.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli